LAURADEILIBRI- Laura Bertolotti: Il mulino sulla Floss

 

george eliot ( pseudonimo di mary anne evans)

.

Perché leggi le vittoriane?  – mi chiedono  – Cosa possono dirti autrici ottocentesche, cosa c’entrano con la complessità del nostro tempo? – Sono intense, profonde, attualissime – rispondo.

Sull’attualità dovrei specificare, ma non è mia intenzione farlo ora, preferisco raccontare de Il mulino sulla Floss, di George Eliot, alias Mary Ann Evans (1819 – 1880), i cui libri finirono persino sul comodino della regina Vittoria e infine si scoprì l’identità celata dallo pseudonimo.

Scordatevi qui il lieto fine, con il matrimonio, la festa e la composizione ordinata e armoniosa di fatti e conflitti.L‘andamento della narrazione sembra piuttosto ricalcato sulle dinamiche fluviali della Floss, nel suo  scorrere lento e limaccioso, passibile però di repentine correnti e improvvise alluvioni. Cosìsono i sentimenti e le azioni di protagonisti e protagoniste: si manifestano piano piano, vengono ribaditi e poi si trasformano in un turbine di emozioni che contagia, coinvolge e intriga  irrimediabilmente.

Scritto nel 1860, quando l’autrice aveva già pubblicato  Scene di vita clericale e viveva ormai da tempo  more uxorio con George Henry Lewes, destando non poco scandalo tra i benpensanti contemporanei. Settecentosessantasei pagine di godimento puro, tra progressione della trama, piuttosto scarna, e digressioni del narratore (narratrice) onnisciente che puntualizza, annota, chiosa e si permette un coinvolgimento diretto nell’interpretazione dei fatti e del carattere delle persone. Proprio lo spostamento di attenzione da trama a carattere dei personaggi primari e secondari caratterizza questo romanzo rendendolo interessante, a mio parere, anche a lettrici e lettori di oggi.

Romanzo corale con al centro una famiglia benestante, in cui il padre, proprietario da tre generazioni di un mulino, e la madre,che non perde occasione per ricordare la rispettabilità della sua provenienza,  sono i signori Tulliver, genitori di Tom e Maggie, fratelli legati da un rapporto molto forte e profondo, anche sesbilanciato da parte della ragazza. Infatti è l’infinita ammirazione di Maggie per Tom, il suo perenne bisogno di approvazione e il patetico desiderio di compiacerlo, a fronte della severità di giudizio di lui, con la sua miope capacità di comprensione e l’enorme stima di sé che segna la temperatura di questa fratellanza asimmetrica. Intorno, un nugolo di parenti con uno spiccato desiderio di influenzarli. La vicenda comincia con Maggiebambina e Tom in procinto di incominciare nuovi studi.  La mente di Maggie è più predisposta alla conoscenza e più veloce nell’apprendere ma, sebbene queste caratteristiche vengano riconosciute dal padre, non viene considerata per lei la strada dell’istruzione perché è solo una donna. Si percepisce nettamente l’ambiguità del tono dell’autrice mentre sottolinea il destino prefissato della ragazza, obbligata dalle convenzioni ad adeguarsi al futuro ruolo di moglie, madre, donna di casa, a cui la cultura a poco potrà servire. La storia si svolge fino all’età adulta dei due ragazzi, con alterne sfortune, promesse ardue a mantenersi, per Tom la dura gavetta del lavoro e per Maggie il desiderio di autonomia frustrato dalla volontà di lui di ricacciarla nel limbo della dipendenza fraterna.

George Eliot, com’è ricordata perché lei stessa si identificò pienamente nel suo nom de plume, ha trasformato la vita ordinaria, scontata del piccolo paese di St.Ogg’s, con le case dai tetti rossi e le più umili abitazioni in riva al fiume, in una vicenda pulsante in cui  si respira l’anelito a benessere, amore e cultura come ricompensa per disastri e fatica. Troppo spesso mortificato da traduzioni parziali e riduzioni vandalizzanti,  Il Mulino sulla Flossmerita di essere  letto nell’edizione integrale per gustare le puntuali descrizioni del paesaggio, dovute all’approccio positivista dell’autrice, e l’ironia  dei dialoghi, sapientemente cesellati tra rispetto delle convenzioni e primato dei desideri.

Il mulino sulla Floss (The Mill on the Floss), George Eliot, traduz. di Alessandro Fabrizi, introduz. di Emanuele Trevi, Neri Pozza Editore, 2019.

Laura Bertolotti

.

 

George Eliot, Il mulino sulla Floss– Neri Pozza editore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.