INTERSEZIONI- Cristiana Pagliarusco: Presentazione e traduzione di “Perché nutro gli uccelli” di Richard Vargas

on the road- milano tra l’acquario e il teatro strehler

.

perché nutro gli uccelli, di Richard Vargas
 (traduzione di Cristiana Pagliarusco)

.

una volta
vidi mia nonna protendere
la mano con una piccola offerta
di semi per uno dei passeri selvatici
che frequentavano la fontanella da lei
riempita d’acqua fresca ogni dì
Continua a leggere

BREVI NOTE DAL SILENZIO- Alberto Terrile

Perfino il silenzio è una risposta (proverbio rumeno)

Le distrazioni della nostra “civiltà” rodono il gusto del tempo che scorre, vanno a inficiare la paziente attenzione verso l’opera che matura dissipando le voci interiori che resteranno appannaggio unicamente del poeta e dell’uomo religioso.

Da un punto di vista filosofico, l’universo è composto dalla Natura e dall’Anima. In senso stretto, perciò, tutto quello che è separato da noi, tutto quello che la Filosofia distingue come “non io” , cioè sia la natura che l’arte, tutti gli altri uomini e il mio corpo, deve essere classificato sotto questo nome, “natura”. (R .W.Emerson) Continua a leggere

LA TARMA E L’ARTISTA- Adriana Ferrarini

joseph beuys- vestito di feltro, 1970

 

Ogni conservazione è una forma di auto-conforto e di auto-delusione,
in quanto ogni cosa è destinata a divenire polvere’

J. Beuys

Primavera, cambio di stagione, tempo di naftalina di canfora, tempo di lotta alle tarme. A proposito di tarme, vorrei raccontare una storia…
Si tratta di Gilda – anche se alcuni dicono si chiamasse Marta  – una piccola tarma che viveva in casa di Mr. Taylor.
Si era innamorata di lui qualche tempo prima. O forse non proprio di lui, quanto di un suo elegante vestito in cashmere blu, nuovo di zecca.
Continua a leggere

ISTANTANEE- Fernanda Ferraresso: “E adesso ti regalo una storia. Conversazioni quasi sempre telefoniche con Tonino Guerra” di Marialisa Leone

tonino guerra- penelope gioca con le farfalle

tonino-guerra-penelope-gioca-con-le-farfalle-particolare-20071

.

Dopo le nostre telefonate, mi restava sempre un senso di grande ricchezza e nello stesso tempo di perdita. Così ho pensato che le nostre parole che volavano per l’aria o quelle trascritte velocemente sulle carte non potessero andar perdute.Continua a leggere

ISTANTANEE- Anna Maria Farabbi: BINO IN NESSUN POSTO E DA PER TUTTO. Poesie 1929-2004

 

livio ceschin- declinazioni del paesaggio

.

E’ un’opera importante quella che Marco Munaro propone, non solo nella sua documentazione esemplare sulla figura poetica di Bino Rebellato poeta, senz’altro finora la migliore che uno studioso e lettore possa trovare, ma perché pone la coniugazione sanguigna tra la creatività del proprio verso poetico e l’altrettanta creatività nell’attività editoriale impegnata sulla poesia degli altri. Continua a leggere

PASSAGGI CON FIGURE- Elianda Cazzorla: Prima che squilli la campana

elianda cazzorla- brecht evens  – les noceurs (bruxelles, museo del fumetto)

.

Il nemico cambia ogni giorno sembiante. Pensa Isolina mentre attraversa il corridoio, pieno di bocche. Si aprono. Si chiudono. Sono morbide e sono rosse. Ridono e si rattristano. Chiacchierano e zittiscono. Quelle sono le bocche di carne. Un optional irrinunciabile, nello studente e nella studentessa.
Continua a leggere