FELICE NATIVITA’- Joyeux Noël- Merry Christmas-Feliz Navidad- Nollaig Shona Dhuit-Feliz Natal- Zalig Kerstfeest-Frohe Weihnachten- Milad Mubarak- Gézuar Krishlindjet- Sretan Bozic- Merii Kurisumasu- Gëzuar Krishlindjet- Shnorhavor Sourp Dzunount- Tezze Iliniz Yahsi Olsun

 

 

Siamo tutti in viaggio da milioni di anni! Qualsiasi percorso pensiamo ora di percorrere è solo un piccolo movimento tra una vertebra che ci regge e una falange che ci afferra alla nostra storia, sempre più copiosa, densa, spesso  incomprensibile da quanto si è fatta pregna di vite.

Continua a leggere

L’INVENTARIO- Iniziativa Natale 2016

giovanni pernazza
giovanni-pernazza-
.
–  Non riesco a dormire, stasera. Le ho mai raccontato del vento del Nord?
Quando tengo la finestra aperta è insopportabile. Sarebbe bello se mi scrivesse qualche altra parola.
Anche solo “Allora chiuda la finestra”.
Al che ribatterei ” Con la finestra chiusa non riesco a dormire” – 
.
Daniel Glattauer, Le ho mai raccontato del vento del Nord
.

Sempre più spesso, ormai, tutto ciò che abbiamo in mente o in animo di vedere, di vivere , si trasforma nel suo desolante contrario. Noi aspettavamo ” una nevicata” di poesie e racconti, una fitta nevicata di storie, memorie,  parole che traducessero  il vostro- nostro tempo in questo oggi tormentato, spesso rabbioso, nevrotico o indifferente, malvagio, infernale o, per taluni, magnifico,meraviglioso, sorprendente, affascinante. E…Abbiamo atteso, atteso e poi…

Continua a leggere

Alberto Terrile- Il patto tra morte e fotografia

 rosanna terrile con i figli, in braccio eleonora e  in piedi alberto

rosanna terrile con i figli

.

In questo nuovo secolo che per età è ancora adolescente ho vissuto, come è destino per molti umani, diverse perdite. La vita è una sorta di computo fatto di somme e sottrazioni.
Tra amici scomparsi, consegnati all’invisibilità attraverso il media della malattia, ho visto svanire anche un terabyte di dati da un mio hard disk.
Continua a leggere

E’ IL TEMPO DELLE DONNE – Vittoria Ravagli: è il tempo di Federica Trenti

federica galli-cascina bel sit

federica-galli-cascina-bel-sit-1985

.

Cara Federica, tu lo sai, sei una delle persone che sento più vicine. Tante le sintonie. Le tue radici forti affondano nella terra e crescono rigogliose e ti portano in alto, bella e severa, con uno spirito che canta ed una mente che esige studio e comprensione profonda. Sei una donna di terra e di cielo.

Mi avvicino a te con un poco di timore perché ti so selvatica. Arrivo piano e ti chiedo.

– parto dalla terra- Il tuo lavoro, quello che fai per vivere, è un lavoro agricolo. Quale il motivo della tua scelta? Continua a leggere

“La poesia è l’episodio più reale che possa accadere nell’esistenza di un essere umano”- intervista ad Antonio Bux- Alessia Bronico

daniel flaat –  like a bird of snow

dicembre

.

Seguo da qualche tempo Antonio Bux sui social e sono rimasta colpita dalla sua poesia e dalla sua franchezza d’intenti, anche nel difenderla. A tratti una poesia allucinata e visionaria, gli ho chiesto di fare due chiacchiere, seppur virtuali e di darci l’opportunità di leggere qualche poesia da Naturario – Di Felice Edizioni Martinsicuro 2016, suo recentissimo lavoro. Questa la “sua voce”. Subito a seguire la breve intervista. Continua a leggere

TRASMISSIONI DAL FARO N. 81- Anna Maria Farabbi: Mangiando la luce del pane, Aldo Capitini

prima marcia della pace organizzata da Aldo Capitini-1961

prima-marcia-della-pace-1961

.

Contro un processo di desertificazione spirituale e intellettuale, che quotidianamente polverizza, confonde, erige mura divisorie, pulsa una necessità urgente e allarmata di raccogliere umilmente le proprie energie, riqualificando la nostra interiorità.

Ci sono creature che in/segnano la luce del pane e ce la offrono per nutrirci: maestri e maestre che hanno lasciato e lasciano impronte fosforescenti per qualunque buio, attraverso la loro testimonianza di comportamento e di opera. Continua a leggere

VESTITI DI LUCE- Adriana Ferrarrini: effetti luminosi nella Cappella Scrovegni

giotto-  la natività – interni cappella scrovegni

giotto-1a

.

Immagino un giorno freddo e assolato, il cielo di un azzurro assoluto. All’interno della Cappella il freddo in parte mitigato dal calore del sole dalle finestre. Gli occhi abbacinati dall’oro e dal blu dei cieli dipinti, dal colore delle vesti, tutti presi dalla narrazione che si snoda sulle due pareti in un ciclo a spirale.
Continua a leggere

Dispacci di Narda Fattori – Note di lettura di Fernanda Ferraresso

siria- aleppo- la guerra

91f8a8acee09_sf_5

guerra-siria5

.

Dei Dispacci di Narda Fattori mi restano segni di scrittura non cancellabili. Dei suoi messaggi trascrivo sui muri del mio sguardo gli attacchi, addirittura solo il titolo del messaggio e ne esce poesia, ancora poesia poiché in sé ha una vita che vibra come una voce nell’aria  che la eco prolunga e promulga rendendola rotonda, piena, evocante. Continua a leggere

DIARIO DI UN ERGASTOLANO- Carmelo Musumeci: il carcere ti ha fatto bene?

agostino arrivabene-cuore di terra in guerra
agostino-arrivabene-cuore-di-terra-in-guerra
 .

Molte volte il prigioniero è ciò che gli viene permesso di essere.

.

Spesso chi conosce la mia storia, e viene a sapere che sono entrato in carcere solo con la quinta elementare, ma che ho preso tre lauree, che pubblico libri, che ho ricevuto vari encomi, che svolgo attività di consulenza ai detenuti e agli studenti universitari nella stesura delle loro tesi di laurea sul carcere e sulla pena dell’ergastolo,  mi chiedono: – Quindi, il carcere ti ha fatto bene?- 

Continua a leggere