Alessandro Moscè- Poesie inedite

daniel buren

daniel buren3
.

La stazione all’alba

I quotidiani accatastati
passano da un guanto all’altro dei rivenditori
e il giornalaio taglia il cellophane

appena ridestato dal suono del telefonino
nel buio della porta a vetri
dove chiede permesso un parroco a digiuno.

Se ne va come una medusa fluttuante
e i fari dei lampioni si imbattono
sui primi titoli del Corriere della Sera.
Si infiamma un sabato consunto
tra corpi immensi e donne minute,
noncuranti che qualcuno sta morendo
dentro un’ambulanza senza sirena
che corre sgomenta ad ogni semaforo.
Un ragazzo mangia una pasta alla crema e bestemmia
sfogando la sua rabbia alcolica
e un amore precipitato nella notte

.

 
daniel buren

daniel buren2

daniel buren 1

 .

Camerino

Affacciati dal parapetto dell’università
lo strapiombo ci sembra una storia lontanissima
per noi ragazzi adulti e malinconici
che decifriamo i nomi sul muro gessato di bianco.
Le vie strette si guardano come cose d’altri tempi,
aderiscono al lastricato e al sonno leggero
di chi invita la notte sibillina dalle finestre
o lungo le scale ripide di casa.
C’è un manto d’ombra nella città dei duchi,
uomini con il destino di signoria *
che appaiono in ogni crocicchio, portale e cornice
alla ricerca dell’orto botanico

*  “Il destino di signoria” è un’espressione del poeta e drammaturgo di Camerino Ugo Betti

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...