ISTANTANEE: NUOVI ULTIMI ESASPERATI DELIRI DISARMATI- Guido Ceronetti

loredana romero

loredana romero- acquerello matita su carta.

Quanto osserva con precisone chirurgica Ceronetti non sembra essere stato scritto nel 2001 ma domani. Scrive dentro l’occhio dell’oggi che è già traguardante domani perché ancora ad ora niente si è modificato. L’invecchiare della popolazione che si traduce in obsolescenza del pensiero che non riesce a mirare l’obiettivo, cioè non ha lungimiranza, non vede che stiamo affondando e Ceronetti lo scrive in grande in formato (de)cubitale e ci mette dentro le piaghe del nostro Egitto, i tanti flagelli che ci siamo costruiti per ottusità mentale. Da leggere perché arrivi fino all’ultimo taglio la sua lama, che mettendo la ferita a nudo mostra se ancora ci sia qualcosa di vivo sotto questo ormai invisibile tessuto sociale, in cui il telaio politico ha giocato a flipper piuttosto che tramare connessioni e lanciando nel futuro le tante navette e i possibili fili da rammendo. E non fa sconti a nessuno la sua lingua batte forte, non sui tasti ma sulle menti, sui corpi del delitto che si perpetua da troppo tempo sempre sui medesimi ultimi.

fernanda ferraresso

loredana romero

loredana romero-acquerello.

«La nostra popolazione invecchia sempre piú, questo è un dato molto confortante. Ma anche, per certi aspetti, sconfortante. Perfino, in prospettiva, terrificante. È un fenomeno portentosamente mondiale, l’invecchiamento umano, e moderno come l’Informatica, mentre al tempo della Dogmatica si campava pochissimo e si moriva circondati da candele, senza il conforto della lampadina da cento watt. I maiali no. Seguitano a campare all’incirca come nel Medioevo, per loro il Medioevo non è mai finito e figuriamoci se mai avranno un Rinascimento. L’Umanesimo ha stravinto, il Maialesimo è rimasto quello dei tempi di Carlo Magno, un fenomeno insignificante».
Cosí Ceronetti inizia un racconto di questa sua nuova raccolta di Deliri: un incipit irresistibile per l’ironia con cui viene trattata la presunzione dell’uomo, il suo collocarsi al centro di un universo che invece a malapena, e non si sa per quanto, lo tollera. Un altro racconto descrive la reazione del villaggio mongolo di Kakimba alla notizia che il gigantesco asteroide Minchio 70 sta per entrare in collisione con la Terra. Mentre nel resto del mondo il panico domina e folle intere attutiscono la paura con farmaci e alcol, oppure si danno a crimini di ogni specie nelle battaglie per guadagnare ipotetici rifugi, l’intero villaggio di Kakimba accetta l’ineluttabile fatalità cosmica senza un gemito né un rimpianto. E tutti i suoi abitanti vengono colti dalla deflagrazione finale nel pieno delle loro normali occupazioni. La considerazione conclusiva di chi (extraterrestre o fantasma) commenta gli eventi molto tempo dopo l’accaduto è la seguente: «Dell’uomo, noi ricorderemo soltanto la perfezione dei mongoli di Kakimba, e pochi, pochissimi altri momenti, d’Oriente e d’Occidente, della sua ingloriosa storia». Il non convenzionale moralismo di Ceronetti si dipana, racconto dopo racconto, anche su storie piú quotidiane, come l’impossibile ricerca di un negozio chiuso in qualsiasi stagione dell’anno o le mortifere peripezie dei Golosoni, dolci reciprocamente regalati/imposti sotto Natale a chi non ne vuole sapere di mangiarli. Il risultato è un nuovo, composito, vivificante sfogo narrativo di un grande scrittore che svela la modernità come un re nudo.

[dalla scheda del libro]

.

.

Guido Ceronetti, NUOVI ULTIMI ESASPERATI DELIRI DISARMATI, Einaudi 2001

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.