TI DO’ LA MIA PAROLA- Museo Del Bali’- Incontri

 PROVICNCIA DI PESARO URBINO                         Associazione culturale
Uno Nessuno Centomila

                                                                  

TI DO’ LA MIA PAROLA

1° edizione – 25/26 maggio 2013  Museo Del Bali’

 

LA FIDUCIA

 

“Ti do la mia parola” è un Progetto culturale con finalità di prevenzione del disagio sociale e psicologico.

Prevede un appuntamento annuale in cui si discute dell’Uomo, inteso come animale sociale ed individuo protagonista nella comunità. È la realtà contemporanea che vogliamo andare ad indagare, comprendere, interpretare. Una modernità strappata che ha perso sicurezza, dimenticato un comune linguaggio capace di fare società.

 “Ti do la mia parola” era una frase che consolidava.  Bastava in sé. Conferiva valore simbolico al gesto, alla stretta di mano, al patto solidale. La parola diventava azione, garantiva fiducia, certezza etica. Anche nella contrapposizione i ruoli mantenevano una solidità identitaria che costituiva il presupposto dialettico. La modernità, da un lato, ha generato una facilitazione dei rapporti, dall’altro ne ha minato le basi fondanti. Un baco, una rete bucata, un etimologia negata, questo il lascito.

Da che parte è necessario ricominciare? Quale la genesi che ha condotto a questa crisi di sistema?  Quali strumenti è necessario mettere in campo per ricostruire un linguaggio condiviso? Una psicoanalista e una scrittrice si sono incontrate e hanno individuato nella parola, nel suo uso corrente così come nel suo archetipo, uno strumento fondamentale di elaborazione, uno specchio illuminante, un grumo prezioso e complesso, per rispondere a queste domande.

La psicoanalisi fornisce una visione del soggetto, della sofferenza psicologica e del legame fra gli individui che risulta rivoluzionaria nel nostro tempo. L’epoca del computer, del consumismo imperante percorre la via di una scientificità standardizzante che nega la singolarità non solo di ciascuno ma della stessa condizione dell’uomo fra le altre forme di vita esistenti in natura. Tale singolarità si fonda sull’uso della parola, del linguaggio e di un ordine simbolico che “snatura” il corpo dell’essere umano. La parola crea una dimensione nuova che Freud ha chiamato “l’Inconscio”, un “territorio straniero interno” con cui ciascuno deve fare i conti, un’estraneità intima, che racchiude la verità del desiderio singolare di ciascuno e che spesso viene negata. L’inconscio è fatto di parole, segni, marchi linguistici lasciati all’interno delle prime relazioni. Aprire un dibattito sull’inconscio significa lavorare sulla parola e di conseguenza sul legame sociale, sulla dimensione relazionale della struttura umana…. Un punto di partenza che può aprirsi a tutti gli aspetti della vita: economico, psicologico, lavorativo, familiare, amoroso ecc.

 La parola è segno che nomina, che chiama, che riconosce. È necessario ritrovarla nuda e pregna, togliere la polvere dell’uso-abuso, riascoltarla senza qualunquismo e oscurantismo. La parola fonda le idee e la cultura, il comportamento sociale, la qualità delle relazioni. Prima ancora di essere comunicazione, è esistenza.

 La parola poetica, che è ogni volta quella parola e nessun altra, in tutto il suo senso e in tutto il suo suono, è un viatico primario nel processo di definizione e scoperta del linguaggio.

 Ogni anno verrà proposto un tema che sia un’esplorazione linguistica, e quindi sociale e culturale, a partire dalla relazione che la parola fonda tra gli esseri umani. Si incontreranno molteplici figure professionali: giornalisti, filosofi, psicoanalisti, economisti, medici, scrittori, artisti ecc.

Per l’anno 2013 il titolo sarà: La Fiducia

La crisi. Termine divenuto oggi di uso quotidiano per descrivere il malessere economico e sociale. Con essa si indica il “male”, essa è il male. Utilizzata come richiamo onnipotente, non lascia spazio all’azione dell’uomo. La crisi diventa il soggetto e l’alibi. Il senso etimologico del termine sta indicare in verità l’azione di cambiamento che nel corso della malattia decide la guarigione o la morte del soggetto. Ecco allora che la “crisi” non può essere considerata il passo ultimo, o la ferma statica ed immutabile di una condizione, così come oggi viene intesa, bensì la possibilità di decidere, di scegliere il cammino. Un percorso che, per essere virtuoso, necessita di complici, compagni di strada, altre parole feconde come “fiducia”, parente laica di quella fede che offre affidamento e consegna. “La Fiducia”, si declina come una necessità, un’urgenza imminente per i rapporti sociali, nel lavoro, dentro l’unità familiare. 

 L’evento si svolgerà in due giornate: apertura il sabato mattina alle 10, chiusura la domenica alle 12, presso www.museodelbali.it

 Programma

Sabato 25 maggio

LA CRISI DI FIDUCIA NELLA RELAZIONE: La violenza che uccide il dialogo

 

ORE 10.00                Benvenuto di Cristiana Santini, e Paola Turroni  coordinatrici del Festival

ORE 10.30                A confronto:

Alessandra Carnaroli, poetessa, autrice del libro “Femminimondo”

Monica Vacca, Psicoanalista presso “il Cortile”, consultorio di psicoanalisi applicata del Centro internazionale delle donne di Roma, Membro SLP (Scuola Lacaniana di Psicoanalisi), AMP (Associazione Mondiale di Psicoanalisi), Segretario SLP di Roma

Matteo De Lorenzo, psicologo, Membro dell’Associazione “Il Cortile”, a Roma, membro dell’equipe per l’aiuto ai minori del Centro “La Ginestra”, per donne in difficoltà, provincia di  Roma.

ORE 12.30            Pausa pranzo

 

LA CRISI DI FIDUCIA NELLA SOCIETA’: Quando la parola non fa più legame

ORE 14.30               Intervento di Davide Rossi, Assessore alla Cultura della provincia di Pesaro e Urbino; saluti del Sindaco di Saltara Fabio Ciccoli

Introduzione di Cristiana Santini

 Tavola rotonda

Relatori:

Pasquale Indulgenza, Psicoanalista, Membro Della SLP e AMP, Responsabile clinico della Fondazione Augusta Pini e Istituto del Buon Pastore Onlus di Bologna

Padre Renzo frate dell’Ordine dei Comboniani

Fausto Bertinotti, ex Presidente della Camera

Giacomo Falcioni, Direttore Generale BCC (Banca di Credito Cooperativo) di Fano

Discutono     

Fabio Cavallari, scrittore

Giuliana Capannelli, Psicoanalista, membro SLP e AMP, Presidente dell’Associazione Heta di Ancona, (Centro Multidisciplinare per il disagio psichico e i Disturbi Alimentari)

ORE  16.30               coffe break

ORE  16.45               Ripresa lavori

ORE 19.00                Chiusura dei lavori

 

Domenica 26 maggio

LA CRISI DI FIDUCIA NELL’EDUCAZIONE: Verso una nuova cultura dell’uomo

 

ORE 10.00                Presentazione di Fabio Cavallari, scrittore

Conversazione condotta da Paola Turroni e Cristiana Santini

Relatori:

Davide Adamo, terapeuta esperto nella Tutela dei Minori, fondatore del Centro Studi Teseo per la Famiglia

Adele Marcelli, Insegnante, Pedagogista e Psicoanalista presso Pio Pao di Ancona, per i disturbi dell’infanzia, Membro SLP

Matteo De Lorenzo, psicologo, Membro dell’Associazione “Il Cortile”, consultorio di psicoanalisi applicata a Roma, membro dell’equipe per l’aiuto ai minori nel Centro “La Ginestra”, per donne in difficoltà, provincia di  Roma.

Contemporaneamente sono previsti laboratori didattici per bambini.

12.30               chiusura dei lavori

 

Le coordinatrici e ideatrici del Festival sono:

Paola Turroni,  poetessa ed educatrice, http://www.paolaturroni.it

Cristiana Santini, Psicoanalista, Membro della SLP e AMP, Responsabile della Segreteria di Ancona della SLP.

La fiducia 

 

 

Normal
0
14

MicrosoftInternetExplorer4

 





 

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.