TRA LA PAROLA POETICA E LA MUSICA- Sergio Pasquandrea: Hai fatto bene a non parlarmi del Sud. Vittorio Bodini in musica

renato guttuso- l’occupazione delle terre incolte in sicilia -gemäldegalerie alte meister-dresda

.

Il mese scorso di parlavo del cantautore pugliese Matteo Marolla e della sua amara canzone d’affetto alla sua terra. Mi ha fatto tornare in mente un altro progetto, curato una decina d’anni fa da Besa, casa editrice con sede a Nardò (LE), e dedicato alle poesie di Vittorio Bodini.

Bodini fa parte di quel manipolo di validissimi poeti (centro)-meridionali che, nel secondo dopoguerra, sono stati messi in ombra dal prevalere dell’asse poetico romano-fiorentino-milanese. Parlo di nomi come Lucio Piccolo, Bartolo Cattafi, Lorenzo Calogero, Rocco Scotellaro, Leonardo Sinisgalli, Alfonso Gatto, Libero De Libero, Claudia Ruggeri (attorno alla quale si è creato un piccolo culto postumo, legato alla morte prematura), Albino Pierro (confinato nell’orticello della poesia dialettale). Persino Quasimodo, che pure in vita conobbe un successo universale, è stato poi in larga parte ridimensionato nelle storie della letteratura e nelle antologie, dove è relegato ormai quasi al posto di un minore.
Vittorio Bodini (1914-1970), oltre che poeta dalla voce pienamente originale, è stato una figura di respiro internazionale, docente universitario, studioso e traduttore di letteratura spagnola, dal barocco al surrealismo, frequentatore degli ermetici fiorentini, antifascista iscritto a Giustizia e Libertà. Il suo La luna dei Borboni (1952) si inserisce a pieno titolo fra i grandi libri di poesia italiana del secondo Novecento. Eppure, è raro che si senta menzionare il suo nome.

Nel 2011, l’editore Besa ha pubblicato un libro con annesso disco, intitolato Le mani del Sud, la cui parte musicale è stata affidata a Daniele e Rina Durante, animatori dello storico Canzoniere grecanico salentino, i quali hanno messo in musica dieci sue liriche.
Ve ne propongo il titolo eponimo, il cui tema è proprio il Sud rimosso, celato, come un’ingiustizia che nessuno desidera vedere.
(Per i curiosi, qui ce n’è una versione dal vivo, più recente e diversamente arrangiata).

Buon ascolto.

.

LE MANI DEL SUD
(a Rafael Alberti)

Hai fatto bene dice a non parlarmi del Sud del
Sud e delle sue brulle capre saltellanti
di scoglio in scoglio

O le pallide mani delle capre del Sud

Hai fatto bene dice a non parlarmi del Sud del
Sud e delle sue capre per metà divorate
dallo Stato

O le candide unghie delle capre del Sud

Hai fatto bene dice a non parlarmi del Sud del
Sud e dei suoi orizzonti un tempo aperti
da ogni lato

O le pallide unghie con cui ciascuno si dilania nel Sud

Hai fatto bene dice a non parlarmi del Sud del
Sud e dei suoi braccianti uccisi dalla
polizia

O le pallide mani un po’ grassocce dei Tribunali
del Sud gli olivi dal cuore umano l’accusare
e accusarsi senza pietà

Il grande Sud delle questioni di principio

Hai fatto bene a non parlarmi del Sud

 

 

 

Sergio Pasquandrea

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.