TRA LA PAROLA POETICA E LA MUSICA- Sergio Pasquandrea: Un viandante nella notte

caspar david friedrich

.

Goethe scrisse due liriche intitolate “Wandrers Nachtlied” (canto notturno del viandante): la prima nel 1776 e la seconda nel 1780. 

Franz Schubert le mise in musica entrambe, rispettivamente nel 1815 e nel 1824. Le due date si situano agli estremi opposti della, ahimé, troppo breve vita del musicista, che all’epoca aveva 18 e 27 anni (sarebbe morto quattro anni dopo, a soli 31). Il tema, evidentemente, doveva eccitare la sua fantasia: del resto il viandante – figura romantica per eccellenza – torna anche in un altro celebre lied schubertiano (“Der Wanderer” D. 489, op. 4 n. 1), composto nel 1816 su testo di Schmidt von Lübeck, il cui tema verrà rielaborato sei anni dopo in una delle sue più celebri composizioni pianistiche, la “Wanderer-Phantasie”   D. 760 op. 15 in Do maggiore (1822).

Ma torniamo alle poesie goethiane. Il primo dei due testi (Der du von dem Himmel bist) recita così (la traduzione è mia):

Tu che vieni dal Cielo,
quieti tutte le sofferenze e i dolori
e colui che è doppiamente triste
riempi doppiamente di refrigerio.
Ah, come sono stanco di lottare!
A che servono il dolore e il piacere?
Dolce pace,
vieni, ah, vieni nel mio petto!

Secondo la tradizione, la poesia fu scritta sotto la cosiddetta “quercia di Goethe”, in Turingia. Il manoscritto, contenuto in una lettera di Goethe all’amica Charlotte von Stein, porta la data “12 febbraio 1776”.

La melodia schubertiana, dopo un incipit di inquieta dolcezza, colmo di cromatismi, si distende nel finale, più sereno e diatonico. Ve la propongo nell’esecuzione Dietrich Fischer-Diskau, uno dei più grandi interpreti schubertiani di tutti i tempi. 

La versione musicata ha una piccola variante nel testo: al verso 4, la parola “Erquickung” (refrigerio) diventa “Entzückung” (diletto).

Franz Schubert, “Wandrers Nachtlied I” D. 224, Op. 4 n. 3

 

La seconda poesia (Über allen Gipfeln ist Ruh) è considerata una delle liriche più perfette mai composte in lingua tedesca, per la straordinaria armonia fra significato ed espressione linguistica.

La tradizione vuole che Goethe ne abbia scritto il testo sul muro di una capanna di legno, in cima al monte Kickelhahn, sempre in Turingia, dove trascorse la notte del 6 settembre 1780 (l’edificio esisteva ancora fino al 1870, poi venne distrutto da un incendio e ricostruito quattro anni dopo).

Il testo originale è il seguente:

 

Über allen Gipfeln ist Ruh.
In allen Wipfeln spürest du
Kaum einen Hauch; 
Die Vöglein schweigen im Walde! 
Warte nur, balde
Ruhest du auch. 

 

Anche chi non conosca il tedesco può notare facilmente il raffinato gioco di rime e assonanze che la percorre: ad esempio il Gipfeln (vette dei monti) al verso 2 che richiama Wipfeln (cime degli alberi); o il ruhest (riposi) all’ultimo verso che riprende il Ruh (pace) del primo, a sua volta in rima con du (tu).

Questa è una traduzione letterale:

Su tutte le vette c’è pace.
In tutte le cime degli alberi ascolti
a malapena un brusio;
gli uccellini tacciono nel bosco!
Aspetta ora, presto
sarai in pace anche tu.

 

E questa è una traduzione un po’ libera, in cui ho indegnamente cercato di rendere almeno qualcosa della metrica, delle rime e della sonorità originali:

 

Su tutte le cime, c’è pace.
In tutte le fronde, si tace
ogni rumore.
Nel bosco ogni uccello ora è fioco.
Avrà pace tra poco 
anche il tuo cuore.

 

Ed ecco infine il lied, sempre nella versione di Fischer-Diskau. Qui Schubert, in piena consonanza con il testo, confeziona una di quelle melodie sospese e incantate che erano la sua specialità.

Franz Schubert, “Wandrers Nachtlied II” D. 768, Op. 96 n. 3
.

.

Buon ascolto a tutti.

Sergio Pasquandrea

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.