ISTATANTANEE- Fernanda Ferraresso: NINNANANNE di Anna Maria Farabbi, dalla voce di Roberto Biselli

 

I testi e le voci, del narrante e degli strumenti musicali coinvolti come altre voci, presentano qui una drammatizzazione sonora e luminosa, anche le voci hanno tenebra e raggio, dentro cui si creano  prospettività di scene in cui l’esistenza è l’acqua in cui ci si immerge in profondità durante l’ascolto. La scena è la parola e il suo pro-nunciamento, in una annunciazione in cui l’angelo è il dialetto, il tutto i timbri e i colori di cui si nutre e veste,  in tutta la sua potenza coreo-grafica. Le NINNANANNE di Anna Maria Farabbi, vissute, più che narrate, si potrebbe dire, dalla voce di Roberto Biselli, aprono la porta nel buio di un ventre come quello che a Perugia, città in cui vive la poetessa, è il ventre della montagna, scavato e abitato ancora oggi, in quel buio che preleva chi vi s’incammina, in un rimando di storie e quotidianità e  attraversa non solo il corpo di una parte della città, ma in quel buio trova deposto ogni tempo precedente al nostro, le mani e le voci di chi ha costruito quel “passante”.

Fernanda Ferraresso

 

NINNANANNE

Testi Anna Maria Farabbi
Voce Roberto Biselli
Trombone Giovanni Comanducci
Musica Angelo Benedetti

 

catrin weltz stein e rocca paolina (perugia)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.