LA DICHIARAZIONE PER UN’ETICA MONDIALE- di Angela Chermaddi

elisabeth couloigner-  des lettres – l’ivre de matieres

 

In natura i nuovi organismi nascono non solo dalla selezione ma anche dalla cooperazione, dalla creatività. Si può notare che il comportamento di cooperazione è inscritto nel codice genetico e la capacità di empatia e cooperazione fa parte del nostro patrimonio genetico. Per la sopravvivenza si è imposta la necessità di norme nel rapporto interpersonale. Oggi, in età di globalizzazione dei problemi, se non si vogliono avere effetti disumani, occorre anche una globalizzazione dell’etica. Si richiedono criteri attendibili, norme vincolanti basate su valori duraturi che tengano conto dello sviluppo storico delle norme morali e della loro differenziazione culturale.

Dopo consultazioni interreligiose, discussioni, correzioni, il teologo Hans Kung (premiato col Nobel nel 2008 per l’impegno a favore dell’umanità, della tolleranza , del dialogo) presentò nel 1993, al Parlamento delle religioni mondiali, la DICHIARAZIONE PER UN’ETICA MONDIALE, un’etica comprensibile e praticabile da tutti gli uomini, religiosi o no, che propone norme etiche che fanno parte dell’eredità spirituale dell’umanità.

Male è tutto ciò che ferisce danneggia ostacola l’uomo. L’umanità è il primo principio fondamentale di un’etica umana comune. “Umanità” è patrimonio comune di valori fondamentali e standard etici condivisi da tutti gli uomini, religiosi o no. Confucio, Buddha, Mosè, Gesù, Maometto sono, ognuno a suo modo, portavoce dell’umanità.

“Ogni uomo deve essere trattato in maniera umana, senza alcuna differenza…Ogni uomo possiede una dignità inalienabile e intangibile, e tutti, l’individuo come lo Stato, sono tenuti a rispettare questa dignità e a garantirne un’efficace difesa.”

Il principio di umanità vale per il singolo uomo come per le istituzioni e le strutture umane.

Ricorrente da Confucio a Cristo, a Kant, a tutte le tradizioni religiose e etiche, la regola aurea che è il principio di reciprocità: non fare agli altri quello che non vuoi facciano a te, deve valere tra gli individui, come tra gruppi sociali e etnici, tra le nazioni e le religioni.

I principi della Dichiarazione per un’etica mondiale del Parlamento delle religioni mondiali si ritrovano nella proposta di una Dichiarazione universale delle responsabilità dell’uomo, presentata all’ONU nel 1997.

Oggi il disorientamento, acuito dall’abbondanza di informazioni, l’ansia di successo e benessere, lo scontro invece della comprensione, ci fa affannati e angosciati, stanchi o indifferenti. Assistiamo, accanto al fallimento di mercati e istituzioni, a quello dell’etica.

Occorre promuovere una cultura dell’umanità, perché l’uomo ritrovi se stesso, il suo vero essere. Forse siamo giunti a una di quelle situazioni-limite portatrici del mistero dell’esistenza umana. La problematicità dell’esistere apre alla rivelazione della trascendenza.

L’uomo, come Dio lo ha pensato e voluto, scelto come partner, come cocreatore, è invitato alla somiglianza. Se vuole essere vero uomo deve staccarsi dal mondo animale da cui proviene. Creato a immagine, ha il compito (questa è la sfida) di realizzare la somiglianza col creatore. Somiglianza che è nell’amore.

Ciascuno nella sua particolare situazione è invitato a produrre una immagine di Dio, a cercare cioè con la sua azione una corrispondenza e conformità all’azione di Dio a favore dell’uomo.

Questo è realizzare se stesso come uomo. Per ritrovare il senso della vita occorre che l’uomo si impegni, con fiducia dialogante verso il tu, nella solidarietà e cooperazione, nell’amore per la verità e la conoscenza, nella responsabilità nei confronti dell’ambiente, dei contemporanei e dei posteri.

Che egli sia una presenza aperta che sfonda barriere sociali razziali esistenziali.

Il principio di umanità recupera e rigenera il significato quotidiano della vita.

Angela Chermaddi

.

elisabeth couloigner-  des lettres – l’ivre de matieres

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.