SILOS ARMANI- Teresa Mariniello

ingresso interno

Silos Armani ha forme geometriche regolari e uniformi, esprimendo sia all’esterno che all’interno un’idea di rigore ed essenzialità.

.

le scale

sul vuoto

.

E’ questa la base della creatività dei due artisti, Armani stilista e committente, Ando architetto e progettista incaricato. Entrambi, in tutto il loro lavoro, perseguono un’idea di eleganza più basata sulla sottrazione che sull’aggiunta, sulla sobrietà che sull’ ostentazione .

.

.

Un “ Less is more” come insegnava e praticava Mies van der Rohe, dove la ricerca del meno si elaborava sempre più attraverso forme pulite ed esaltate dall’uso corretto dei materiali e della loro espressività intrinseca.

Intanto l’ edificio di Milano viene volutamente conservato nella forma originaria e chiamato dallo stesso Armani Silos, perché precedentemente lì venivano conservate le gramaglie, materiale essenziale alla vita così come i vestiti. Un contenitore in altri termini, con volumi semplici, essenziali e privi di decorazione. E così resta , con un unico elemento di rottura: le finestre a nastro. Queste, coronando la parte alta dell’edificio, ne sottolineano la compattezza.

.

volume esterno

.

All’ interno i soffitti dipinti di nero, con la struttura del solaio in ferro a vista così come gli impianti, insieme alle pareti grigie formano uno schermo neutro per l’esaltazione degli abiti, oltre seicento, che coprono i quaranta anni di produzione dello stilista.

Tutta la produzione è del resto consultabile all’ultimo piano in un archivio digitale, munito tra l’altro di tavoli touch screen; si possono così visionare schizzi, disegni tecnici, immagini delle varie collezioni .

.

archivio digitale

.

In basso e affacciato sulla corte interna c’è la raffinata caffetteria, luogo di sosta e incontro, ma anche di riflessione sulla bellezza del lavoro mentale e manuale che gli abiti trasmettono.

.

caffetteria

.

Gli stessi, nelle varie cromie e temi, ammiccano a se stessi attraverso il vuoto centrale su cui affacciano gli spazi espositivi, come in un gioco di specchi dilatato.

.

vuoto centrale

 

3 thoughts on “SILOS ARMANI- Teresa Mariniello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.