TRA LA PAROLA POETICA E LA MUSICA- Sergio Pasquandrea: L’amore a maggio

cover per celebri canzoni napoletane di salvatore di giacomo

 

Poesia più musica è un’addizione che ha alcuni risultati obbligatori. Uno di essi è la canzone napoletana: tradizione secolare (i primi esempi datano al XIII secolo) che ha saputo unire, quant’altre mai, l’anima popolare con quella colta, la melodia spontanea con il contrappunto rinascimentale, il dialetto dei bassi con quello dei palazzi aristocratici.
Debbo confessare che, da meridionale (pugliese del nord, quella parte di Puglia che già inclina culturalmente e vernacolarmente verso la Campania) ho una particolare suscettibilità nei confronti delle canzoni napoletane: mal sopporto sia le interpretazioni più beceramente popolaresche e sguaiate, sia i massacri che generazioni di tenori lirici hanno perpetrato su pezzi che richiedono, allo stesso tempo, il massimo della passione e il massimo del controllo.
Per me, voglio dirlo chiaramente, canzone napoletana significa Roberto Murolo. Dev’essere un imprinting infantile, perché lo ascoltai dal vivo, in una remota sera di fine anni Ottanta, e rimasi incantato dalla signorilità del tratto, dalla perfetta dizione, dal garbo ironico e un po’ distaccato con cui porgeva parole e musica.
Dovendo scegliere tra un repertorio sconfinato, seguo la voce del cuore e vi propongo “Era de maggio”. Testo di sua maestà Salvatore Di Giacomo, parole di Mario Pasquale Costa, anno 1885.
La canzone mi ha sempre colpito per la perfetta dinamica degli opposti: la strofa malinconica, in endecasillabi, che racconta la separazione, e il ritornello in tonalità maggiore, in ottonari, il riabbracciarsi degli amanti; il dialetto così puro e limpido, tanto da non necessitare (o almeno spero) nemmeno di una traduzione; e quello che per me resta uno dei più bei versi d’amore di tutta la letteratura mondiale: “Torna maggio e torna amore, fa’ di me quello che vuoi…”. Insomma, il veicolo ideale per la voce di Murolo.

Come al solito, qui di seguito il testo e il video. Buon ascolto.

Sergio Pasquandrea

 

 

Era de maggio

Era de maggio e te cadeano nzino
a schiocche a schiocche li ccerase rosse,
fresca era ll’aria e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciente passe.

Era de maggio; io, no, nun me ne scordo,
na canzona cantàvemo a doie voce;
cchiù tiempo passa e cchiù me n’allicordo,
fresca era ll’aria e la canzona doce.

E diceva: «Core, core!
core mio, luntano vaie
tu me lasse e io conto ll’ore,
chi sa quanno turnarraie!»

Rispunneva io: «Turnarraggio
quanno tornano li rrose,
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stonco ccà».

E so’ turnato, e mo, comm’a na vota,
cantammo nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s’avota,
ma ammore vero, no, nun vota vico.

De te, bellezza mia, m’annammuraie,
si t’allicuorde, nnanze a la funtana:
ll’acqua llà dinto nun se secca maie,
e ferita d’ammore nun se sana.

Nun se sana; ca sanata
si se fosse, gioia mia,
mmiezo a st’aria mbarzamata
a guardarte io nu’ starria!

E te dico: «Core, core!
core mio, turnato io so’
torna a maggio e torna ammore,
fa de me chello che buo’!».

.

 

One thought on “TRA LA PAROLA POETICA E LA MUSICA- Sergio Pasquandrea: L’amore a maggio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.