UN VIAGGIO A … Milano. L’ Apple Store- Teresa Mariniello

norman foster milano- apple store

.

L’architetto britannico Norman Foster firma il progetto dell’Apple Store di Piazza Liberty di Milano. Il primo “ flagship store” italiano.

Un grande parallelepipedo di vetro, con getti di fontana intorno, funge da ingresso per il negozio interamente sotterraneo e costituito da un unico ambiente, ricavato in quelle che erano le sale del cinema Apollo. Di fronte al parallelepipedo, un’ampia scalinata svuota in volume la piazza offrendo un ulteriore ingresso, legandolo inoltre a Corso Vittorio Emanuele, via pedonale molto frequentata per i negozi e i bar.

La ristrutturazione di Piazza Liberty vuole essere, nelle intenzioni dei progettisti, un restituire alla città un luogo un po’ nascosto e non sfruttato nelle sue potenzialità e di farne rivivere lo spazio in un tempo contemporaneo.

La luce passa attraverso i lucernari costituiti dai gradini di sopra allo spazio di vendita di sotto, gli alberi che contornano la piazza sono riproposti nel negozio, la stessa pietra, la beola grigia tipica di Milano, è usata all’esterno come all’interno; elementi tutti che evidenziano il concetto di un negozio in prolungamento della piazza anfiteatro.

 

 

Questo, costituito dalle ampie scalinate, richiama il ricordo dell’ auditorium che era sotto precedentemente e, nello stesso tempo, suggerisce l’idea di piazza come luogo di incontro e di affaccio verso qualcosa che sia bello da vedere o da contemplare. Questo qualcosa è una fontana, come la migliore tradizione architettonica suggerisce per questi impianti, con il logo dell’Apple in alto sul nitore del vetro, sullo sfondo del cielo.

La scena, la quinta è quella del nuovo potere contemporaneo; la postura, lo sguardo di chi siede e sosta è inevitabilmente in asse con l’ingresso dello Store.

Non lo chiamerei dunque un luogo d’incontro, di scambio, una piazza, ma un riuscito, raffinato, elegante negozio in dialogo con la città e che riesce a celebrare non solo un marchio, ma un’idea del vivere contemporaneo.

Teresa Mariniello

.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.