ISTANTANEE- Fernanda Ferraresso- di Assunta Finiguerra ricordo ancora la forza della sua poesia

bruce riley

 

.

Ósce, trenda novembre d’u dujemile e ttré
scrive stu testamiénde esistenziale
a presenze de na trestézza bestiale
e na deméneca cchiù longhe de nu mese

Lasse re ttiérre ca tenghe ngimme a lune
e cavadde janghe cu r’asscédde e piede
e i giacinde’n fiore nzine a Venere
a re mamme de magge da purtuà e figlje

lasse l’utreje mberlate d’a mende
a re cecale chešcose e candatrice
ca pònne ngiutì subbete a luwatrice
se le face nassce nu openziere scure

lasse re scarpe cu re ttacce sotte
a capanévere nghiuse ndò cunvende
accussì se chióve forte e méne u viénde
se póte fà nu tippe tappe assatanate

e ppe ffenì lasse tutte re poesije
a re puttuanede lIndia misteriose
e qquanne Kalì m’avvranghe rabbiose
re ponne legge da u Pualazze u Viénde

.

Oggi, trenta novembre del duemilatre
scrivo il mio testamento esistenziale
alla presenza di una tristezza bestiale
e una domenica più lunga di un mese

Lascio le terre che possiedo sulla luna
ai cavalli bianchi con le ali ai piedi
e i giacinti in fiore nel grembo di Venere
alle madri di maggio da portare  ai figli

lascio l’utero imperlato della mente
alle cicale estrose e cantatrici
che potranno stordir la levatrice
se gli fa nascere un oscuro pensiero

lascio le scarpe con le bullette alla suola
alla capinera rinchiusa nel convento
così se piove forte e tira il vento
potrà danzare un tip tap assatanato

e per finir lascio tutte le poesie
alle puttane dell’India misteriosa
e quando Kalì mi abbrancherà rabbiosa
potranno leggerle dal Palazzo del Vento

Assunta Finiguerra, da Scuraije -LietoColle 2007

 

Ci ha lasciati il due settembre, nel 2009, una data per me intimamente famigliare, la ricordo ogni volta che mio figlio compie gli anni, come una di famiglia con cui ancora parlo, si può dire ascolto, ogni volta che la leggo, perché così capita con chi ti è famigliare, anche quando muore.
Fu lei stessa a descriversi, con la solita tagliente e umanissima ironia, in uno dei libri che l’hanno fatta conoscere più diffusamente, Scurije , edizione Lietocolle, 2005. Assunta Finiguerra sembra proprio voler prendere nelle sue mani la stoffa della sua vita, in una sartoria in cui è l’unica a produrre manifatture, per tagliarla e cucirla secondo la sua figura, la sua configurazione più vera, secondo una luce interiore indomabile. Nemmeno la malattia le ha limato quei bordi taglienti, la lama di una lingua che ha affilato contro tutti i pregiudizi del paese in cui abitava e anche dei critici, che all’inizio del percorso non le riservavano molta attenzione.

Aggia fatte a sarte pe ttanda tiémbe
n’agge chesute de rrobbe e crestijane
tajèrre, soprabbete, giaccune de lane
e ccavezune e ggonne e ggelettiédde


E li vedi e li tocchi i fili che penetra e annoda  nella tela,sia quando è ruvida, una tela grezza, paesana, sia quando è un tessuto di raffinata fattura. L’esercizio è sempre svolto con pienezza e con uno sguardo attento a dove il destino si mostra, perché tutto può essere uno speciale vaticinio, per chi come lei non ha avuto sconti dalla vita.

Chi nassce già segnate da u destine
adda avé a che ffà sembe cu turmiénde
da sole adda affrunduà tembeste e viénde
e ssope o cuarre i vinde fenì abbuole

Lucana di origine, offre una poesia che attraverso la profonda carnalità della parola, materica, concreta sempre, non sfugge davanti a niente, nemmeno davanti al dolore, al male o a Dio. Si racconta di volta in volta  con parola più precisa e si rivolta, attraverso una parola che graffia, che beffeggia la parola elaborata edulcorata, cercando invece la radice, fosse anche quella di cicuta, per trarne la sostanza vera, una conferma dell’esistere. Così lei  piange,  ride, ama, grida in quell’unica lingua che in lei è radice materna e paterna, il dialetto di San Fele, casa di tutte le emozioni che attraverso il cuore, il cervello e il sesso di Assunta assume le colorazioni tipiche dell’amore, anche quello non goduto, ma vivo in lei, in quel corpo che sembra bruciare al solo passaggio del fiato con cui pronuncia una parola di poesia che è vita, non letteratura.

Dichiara con precisione il suo curruculum di studi in questo colpo di fendente
Tenghe a càttedre a scóle d’u turmiénde
re mmalepatènze mbare de l’amore
poche studiénde hanne a chiòcca bbone
e cchi re fface pecché le vatte u córe

Ho la cattedra alla scuola del tormento
le sofferenze insegno dell’amore
pochi studenti hanno voglia d’imparare
e chi lo fa perché gli batte il cuore

Assunta non molla mai, la sua tenacia affila sé stessa verso per verso, rendendosi meno vulnerabile e più essenziale, profonda e al tempo stesso aperta, pronta all’incontro, sempre cercato
sempre cantato anche quando sembra che il mondo lei voglia inchiodarlo come per scuoiarlo di quella pelliccia da lupo che non perde il vizio di voler sbranare tutto quanto incontra. Il mondo, avido, la cupidigia di chi vuole tutto ma non conosce niente di tutto quanto è il terreno che costruisce il corpo, fragile, pronto a piegarsi, per un niente.

La sua carica espressiva utilizza vocaboli che istantaneamente arrivano a centrare il bersaglio che lei ha in mente: cancro, del quale soffre e che combatte con le unghie e coi denti; coltello che apre il dentro e mostra quel mondo interiore rosso furia e sangue; e poi ancora unghia, tagliola e i verbi, prima di tutto strappare, un verbo che ha conosciuto prestissimo e che l’ha strappata dai suoi desideri e poi il male, che la costringe a cure pesanti e quindi la strappa agli incontri nel momento in cui può averne.

Restano irrisolte alcune contraddizioni che sono però le piccole micce che accendono di dettagli coloristici le sue poesie, accedono all’orecchio di chi l’ascolta con velocità istantanea, perché Assunta sa raggiungere l’altro, con grande determinazione, contro il tempo che lei erige a benedetto e poi colpisce con uno schiaffo nel momento in cui lo maledice.

Scurije e Questo dolore che mangia (edito per Le Voci della Luna Poesia, 2009), raccolgono un bisogno interiore profondo dell’autrice, già segnata dalla sofferenza, in cui la ricerca di un senso profondo, ultimo della vita si impone senza scampo perché lo si deve a sé stessi e a nessun altro, alla sacralità che si riconosce nella responsabilità assunta vivendo.
Il resto è vacuo, anche la poesia e la parola lo sono, all’istante in cui tutto, compreso il dolore e il corpo che lo porta, si sciolgono nello stesso nodo che li mantiene vivi e l’uno dell’altro.
Lei stessa, relativamente al senso della poesia, scrive: – La poesia per me è un tunnel di luce, campo di grano verde nel deserto, tovaglia di bisso lino sui tulipani delle stelle, risata argentina di bimbi alle falde dell’ignoto, capriccio del vento tra i capelli delle muse, opera prima dell’Onnipotente e non solo. La considero la preghiera dell’anima, estrema dichiarazione di vita alle porte della morte, conforto al mio cuore in guerra per non avergli saputo dare il mondo. –

Fernanda Ferraresso

.

.

Da Puozze Arrabbià ,La Vallissa 1999

Me vole vedé morte a ggende
vole ca nun respire cchiù
pecché u respire mije
daje fastidje o sole
a quiru sole ca tutte chiàmene attane
e nessciune ha maje viste

Morte, sette parme sottiterre
accussì nun rombe re scatele
a quande aggia credute amice
e a mane sott’o core hanna mise
p’acchiappà re llàcreme
ca sembe vaje strecchianne

Ma ije nun more
pecché só male fierre
tenghe tutte arrezzute
a panze, u suanghe, u core
quiru core muorte accise
scazzate sott’o muaglje di juorne
e arredutte cume pedde de ciucce

Si è ciucce
u destine ha velute accussì,
nda corse cu a vite è rumuaste ndrete
e u sole n’ha viste u chiuande suje
ca l’è arrevate acquasande
nda quiru ciele ca nun crede e fesse

Chiange e cume chiange u ciucce!
pure ca nge só re maregarite
e crésscene u mese d’a Signore
u mese de re rose
só sembe fiure de ciucce…

erciò nessciune sape u delore suje
quanne se sonne a morte
e a vede belle cume a na stelle,
cume a na cumete
ma a paure u fotte
e facesse aviette juorne dice
pe resperà angore e dà fastidje o sole

 

Vuole vedermi morta la gente
vuole che non respiri più
perché il mio respiro
dà fastidio al sole
a quel sole che tutti chiamano padre
e nessuno ha visto mai

Morta, sette palmi sottoterra
così non rompo le scatole
a quanti ho creduto amici
e la mano hanno messo sotto il cuore
per raccogliere le lacrime
che sempre va spargendo
Ma io non muoio
perché sono un brutto ferro
ho tutto arrugginito
la pancia, il sangue, il cuore
quel cuore morto ucciso
schiacciato sotto il maglio dei giorni
e ridotto come pelle di ciuccio

Se è ciuccio
il destino ha voluto così
nella corsa con la vita è rimasto indietro
e il sole non ha visto il suo pianto
che gli è arrivato acquasanta
in quel cielo che non crede ai fessi.

Piange e come piange il ciuccio!
anche se ci son le margherite
e sbocciano il mese della Signora
il mese delle rose
sono sempre fiori di ciuccio…

perciò nessuno conosce il suo dolore
quando sogna la morte
e la vede bella come una stella
come una cometa
ma la paura lo fiacca
e facesse presto giorno dice
per respirare ancora
e dar fastidio al sole

*

Da Rescidde, Zone Editrice 2001.

Ije te cunduanne Dije
a ccambà cume l’uòmmene d’a Terre
scàveze, allanure, sembe facce nderre
a dìrete grazzje d’a vite ca r’è date

te cunduanne pecché nun suaje niende
nun suaje ca u cuane mózzeche o struazzate
nun suaje manghe ca Marijadduluruate
l’uocchje avassce a nuje e nun nge vede

ije te cunduanne p’i rine sembe apierte
e pe quire ca só nate malatizze
a vvócca cchiene figlje tu re cchiame
u tuje però è cu l’uocchje azzurre e buone

Io ti condanno Dio
a vivere come gli uomini della Terra
scalzi, ignudi, sempre faccia in giù
a dirti grazie della vita che gli hai dato
ti condanno perché non sai niente
non sai che il cane morde lo straccione
non sai neanche che Mariaddolorata
gli occhi abbassa a noi e non ci vede.
io ti condanno per le inquietudini
e per quelli che sono nati malaticci
a bocca piena tu li chiami figli
il tuo però ha gli occhi azzurri e sani

*

Da Solije, Zone Editrice 2003.

L’uómmene pe mé só state chiuove
cadàvere de sole sópe o fiume
circhje de fuoche p’allazzà a lune
e àrdele cume appene a guardaje

Si téne nu mualepunde criste mije
falle murì mò ca è peccenénne
accussì pregaje notte e juorne mamme
penzanne de fermà a malasorte

Oje mammarella mije, destine e cazze
ósce só na farfalla mbusumuate
na fémmene ca nun póte cambià a mute
pecché re ssuale de préte nge ha fatte

qual’amore, quala morte, nessciune
me póte aìtà, só acqua passate
rame de presche da u viende snervate
e fenute pe cunduanne a restà ‘n vite

Gli uomini per me sono stati chiodi
cadaveri di sole sopra il fiume
cerchi di fuoco per stringere la luna
e bruciarla non appena la guardavo

Se avrà una mala vita cristo mio
falla morire adesso ancor bambina
così mamma pregava giorno e notte
pensando di fermar la malasorte

O mammarella mia, destino e cazzo
oggi sono una farfalla inamidata
una donna che non può cambiar la muta
perché il sale di pietra gliela ha resa

quale amore, quale morte, nessuno
può aiutarmi, sono acqua passata
ramo di pesco dal vento snervato
e finito per condanna a stare in vita

.

bruce riley

.

Da Scurije , LietoColle 2005.

Chi nassce già segnate da u destine
adda avé a che ffà sembe cu turmiénde
da sole adda affrunduà tembeste e viénde
e ssope o cuarre i vinde fenì abbuole

Amelje e Anne, Marine e Silvije
quanne venghe preparateme nu liétte
nde pozze dorme tranguille e aspette
u juorne d’u giudizzje aunite a vvuje

Da te Silvje surella mije de gógne
na chicchere m’è dà de latte càvede
e zzucchere de canne a cumeglià re ffalde
d’u spìrete ribbelle e crocia noste

Amelje Amelje febbrare curte e amare
grane de luglje t’ha favuciuate decise
apprùndeme na mande de narcise
e nu decotte de màleve p’a tosse

A tti Anne suduarje de re nnéglje
n’appse aggia cercà e nu quaderne
nde ije scrive ca u puassagge a l’Inferne
è cume chennóce sale cu mutiḍḍe

Figlje de mamma Russje, tu Marine
cirche pe mé a re stelle nu cuanneliére
e ndó squarce ormaje raspende d’u core
arde si ng’è angóre n’eche de vite

Chi nasce già segnata dal destino
sempre avrà a che fare con il tormento
da sola affronterà tempeste e venti
e sul carro dei vinti finirà il volo

Amelia e Anna, Marina e Sylvia
quando verrò preparatemi un letto
dove possa dormir tranquilla e aspetto
il giorno del giudizio insieme a voi

Da te Sylvia sorella mia di gogna
una chicchera vorrò di latte caldo
zucchero di canna a coprir le falde
dello spirito ribelle nostra croce

Amelia Amelia febbraio corto e amaro
grano di luglio ti falciò deciso
approntami una coltre di narcisi
e un decotto di malva per la tosse

A te Anna sudario delle nebbie
un lapis chiederò e un quaderno
dov’io scriva che il passaggio all’Inferno
è come ingoiar sale con l’imbuto

Figlia di madre Russia, tu Marina
chiedi per me alle stelle un candelabro
e nello squarcio del cuore ormai scabro
brucia se c’è ancora eco di vita

.

Nde pozze dì u nome de chi ame
vite o morte è la stessa cose
sanghe de Dije o giardine de rose
o cecute c’avveléne a menestre
Tu vuó sapé troppe e cche te diche?
Me vole bbene quanne sime a lliétte
E ppò me torne a vvedé cume a cevétte
Ca dorme nda na bbocce de sapone
me pozze cunzederà angóre fémmene
si cannéle sópe a tuare me chenzume
e l’orgoglje sopraffatte da u fume
mane e piede móve pupuazziédde?

Non posso dirti il nome di chi amo
vita o morte è la stessa cosa
sangue di Dio o giardino di rose
o cicuta che avvelena la minestra
Tu vuoi sapere troppo e che ti dico?
Mi vuole bene quando siamo a letto
e poi in me rivede la civetta
che dorme in una bolla di sapone
posso considerarmi ancora donna
se candela sull’altare mi consumo
e l’orgoglio sopraffatto dal fumo
mani e piedi muove pupazzetto?

.

Angóre te custodissce quire amore
ca ógne de vriddje me pónge mbiétte
e mmana sande me téne a llucchette
ndó cenacole d’a mussciarije toje
perciò nun suaje l’affanne di juorne
c’a vocca aperte nun sembe parle
cume pure u strìzzeche d’u tuarle
quase maje face cadé a galera soje
e sse pure só a derive de mé stesse
tenghe u vizje a vite cume re ggatte
se te vreguógne de mé ca só pacce
ije d’u córe me vregògne ca te ame

Ancora ti custodisco quell’amore
che unghia di vetro mi punge il seno
e mano santa mi tiene in catene
nel cenacolo della tua apatia
perciò non sai l’affanno dei giorni
che la bocca aperta non sempre parla
come pure lo scricchiolio del tarlo
quasi mai fa cader la sua prigione
benché sia alla deriva di me stessa
ho il vizio della vita come i gatti
se ti vergogni di me che sono pazza
io del cuore mi vergogno che ti ama

.

È na pestèheme cu i viérme inde
stà lunduane da tè sere e matine
a scatecà nda l’arje cume a na gaddine
ammende u pulle face a code a rrote

sapisse che stanchezze tenghe a notte
quanne l’àvetje dòrmene sope e penziere
e a lune sembe eterna curriére
caresce luce da nu ciele a l’àvete

Oje vita vita vite pecché me sfusce
si angóre n’aggia fatte u tiémbe mije
sotte a l’albere de fronde a ccasa mije
fà sta n’angele ca me chenforte

Oje vita vita vite guàrdeme nfacce
nun só nu bboje c’accide a ggende
vulesse avé nu poche de firma mende
e nu becchiere mane de verdéche

È una pustola con i vermi dentro
star lontana da te sera e mattina
schiamazzare nell’aia come gallina
mentre il tacchino fa la coda a ruota

sapessi che stanchezza ho la notte
quando gli altri dormono sui pensieri
e la luna sempre eterna corriera
trasporta luce da un cielo all’altro

O vita vita vita perché mi sfuggi
se ancora non ho fatto il mio tempo
sotto l’albero di fronte a casa mia
fai stare un angelo che mi conforti

O vita vita vita guardami in faccia
non sono un boia che uccide la gente
vorrei avere un po’ di firmamento
e un bicchiere in mano di verdeca

.

Luwàteve da nande
ca tenghe forze pe spustuà re pprete
né u curuagge manghe pecché drete
nun vede l’ombra mije affategate

débbele e fforte só a lo stesse tiémbe
e ccume a tutte vuje appicce fuoche
accoglje fiure e nda caggiola dope
nghiude u cuardille ca è turnuate a ccase

Só fierre de cavadde ca vernégne
e ttuwaglje de line p’u sedore
pure se nd’e capidde fanne u niére
mosche, zanzare e qquacche calavróne

Luwàteve da nande ca da nessciune
voglje nu surse d’acque pecché nun scénne
na sepale de sàlece tenghe nganne
e na stelle ca face luce e diénde

Toglietevi dai piedi
ho tanta forza da spostare pietre
né il coraggio manca perché dietro
non vedo la mia ombra affaticata

debole e forte sono allo stesso tempo
e come tutti voi accendo fuochi
raccolgo fiori e nella gabbia dopo
rinchiudo il cardello tornato a casa

Sono ferri di cavalli che vendemmio
e tovaglie di lino per il sudore
anche se nei capelli fanno il nido
mosche, zanzare e qualche calabrone

Toglietevi dai piedi che da nessuno
voglio un sorso d’acqua perché non scende
una siepe di salici ho in gola
e una stella che fa luce ai denti

.

bruce riley

.

M’aggia appecà a l’albere de giude
e ssùbbete aggia vedé l’orsa maggiore
ca se trastulle perfida signore
sope o divanette d’a lattea vija<
Cane spiérte aggia èsse pe l’universe
e l’istinde de guerriere ca tenije
nd’arravuoglje de re ppene d’amore
nguodde m’aggia purtuà cume nevušchele<<
de luce n’aggia brellà pecché opache
ha ccambate l’ànema mije nghestedute
inde o cuambesande d’i dannate

M’impiccherò all’albero di giuda 
e subito vedrò l’orsa maggiore  
che si trastulla perfida signora
sul divanetto della lattea via  

Cane randagio sarò per l’universo  
e l’istinto di guerriera che avevo 
nel groviglio delle pene d’amore  
addosso lo porterò come nevischio  

di luce non brillerò perché opaca  
visse la mia anima incustodita 
dentro il cimitero dei dannati

.

Nun m’abbaste cchiù scrive poesije
u delore scavarche re mmunduagne
e ccume mondine nda l’acque restagnene
dd’anghe ca se schenócchjene a sta vite<

e u viénde ca me trase inde a dd’ osse
mupigne me scunfesse a l’amore
e ccume nun tènene respire re mmure<

accussì a speranza mije è fredde o tuatte
pecché nun fuaciétte u mestiere de puttuane
pezzende allegre ca ciend’anne cambe

Non mi basta più scrivere poesie
il dolore scavalca le montagne
e come mondine nell’acqua ristagnano
le gambe che si piegano alla vita

e il vento che mi entra nelle ossa
taciturno mi sconfessa all’amore
e come non hanno respiro le mura

così la mia speranza è fredda al tatto
perché non feci il mestiere di puttana
pezzente allegra che cent’anni campa

.

Da Fanfarije, LietoColle 2010

Restate qua… nun me lassate sole
ng’è a morte ca m’aspette cu fercidde
e u cìcene ngape pe re llacreme
quanne l’utema chiangiute m’abbalissce

Restate qua… nun me lassate sole
adducumuate stu delore ca me mange
cume nu verme da u muatine a sere
e de notte quase sembe venge idde

Restate qui… non mi lasciate sola
c’è la morte che m’aspetta col forcone
e l’orciolo in testa per le lacrime
quando mi fiaccherà l’ultimo pianto

Restate qui… non mi lasciate sola
calmate questo dolore che mi mangia 
e di notte quasi sempre vince lui 

*

Da Questo dolore che mangia,  Poesia 2009.

I fuoche de novembre só appecciate
cu na viulenze ca me mbaurissce
resorge palummelle e mmóre cane
nda na vijanove ca nun téne anzute

Oje mamma mije e vita benedette
appene tocche fierre nassce viende
m’accerchje cume fosse delinguende
me daje a bbeve miére fatte acite

Me só stangate de èsse n’impotende
si mette r’asscedde fazze mala fine
nun póte vuluà chi nun pusséde abbuole

chi scarpe de cemende porte e piede
nghiuvuate nderre reste ósce e ssembe
ósce e ssembe spere ca Dije nge sije

I fuochi di novembre sono accesi
con una violenza che impaurisce
risorgo palombella e muoio cane
in una strada che non tiene uscite

O madre mia e vita benedetta
appena tocco ferro nasce vento
mi accerchia come fossi un delinquente
mi dà da bere vino fatto aceto

Sono stanca di essere impotente
se metto l’ali faccio mala fine
non può volar chi non possiede il volo

chi scarpe di cemento porta ai piedi
inchiodato a terra resta oggi e sempre
oggi e sempre spera che Dio ci si

*

Da Tatemije, Mursia 2010

Te lasse muorte e te retrove Dije
me cunde i passe juorne notte e sere
l’ànema schenucchiuate de preghiere
s’attacche u cuorpe pe se fà na seche

e indande u córe vatte a mode suje
ogni tande mette pezze sop’a fronde
pe defrešcà a menda traballande
pe sbaglje mal’amore e malatije.

Damme na mane ca stache affuquanne
damme nu fiore ca stache murenne
damme na croce ca sije de paglje
damme nu vine ca uoglje arrevende

damme nu surse de ciele mbuttiglje
damme na lune ca sije na mandiglje
damme nu sole ca arde i penziere
Dije d’amore… Dije belle e mestere.

Ti lascio morto e ti ritrovo Dio
mi conti i passi giorno notte e sera
l’anima sconocchiata di preghiere
s’attacca al corpo per farsi una sega

e intanto il cuore batte a modo suo
ogni tanto mette pezze sulla fronte
per rinfrescar la mente traballante
per sbagli mal’amori e malattie

Dammi una mano che sto affogando
dammi un fiore che sto morendo
dammi una croce che sia di paglia
dammi un vino che olio diventi

dammi un sorso di cielo in bottiglia
dammi una luna che sia una mantiglia
dammi un sole che bruci i pensieri
Dio d’amore… Dio bello e mistero.

 

**

Altri riferimenti in cartesensibili

https://cartesensibili.wordpress.com/2009/09/02/dedicata-ad-assunta-finiguerra-aggiungo-ancora-un-posto/

2 Comments

  1. Pazzesca! Questa poesia ha una forza tellurica spaventosa e insieme una grazia spavalda.Molto bella anche la presentazione che ne fai,Fernanda, come porgi al lettore questa cosa incandescente. .

  2. la sua poesia aveva una carica di rabbia, una potenza invettiva che non si fermava davanti a niente e, allo stesso tempo, una carica d’amore feroce, fino allo scortico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.