Troppo piccola per dire sì- Note di lettura di Laura Bertolotti

cinque anni 

.

Ogni giorno, ventimila ragazze sotto i diciotto anni, diventano madri nel Sud del mondo. Ancora adolescenti, o bambine, vengono date in spose a uomini adulti o anziani, in nome della tradizione o per migliorare la situazione economica della loro famiglia d’origine. Le spose bambine rappresentano un “dato” disturbante, che si preferisce ignorare o tacere, ma questa realtà di dolore esiste e Gigliola Alvisi ha saputo trasformarla in un romanzo lieve eppure affilato che entra nella piaga con una voce bambina, ancor più spiazzante perché mette a nudo le responsabilità adulte e i conformismi che le camuffano.

.

12 anni 

yourimage-9-3-3

.

 

Maisa aveva solo tre anni quando è partita dal Marocco e non ricorda nulla della terra dov’è nata. Il suo mondo è qui: la scuola, le amiche, la pallavolo, in cui eccelle, e la famiglia, luogo che comincia a starle sempre più stretto. Perché a tredici anni si fanno confronti e ci si interroga su divieti e permessi e Maisa «è l’unica ragazza di Vicenza a non avere un cellulare». Non può neppure andare a casa delle amiche, o invitarle nella sua camera per fare i compiti insieme, deve sempre essere accompagnata a e da scuola. A casa sua si abbassa la voce quando sta per tornare il padre dal lavoro e la sua autorità è assoluta e indiscutibile.

Ma qualcosa si sgretola nel sistema perfetto di adesione alle regole familiari perché le idee “altre”si insinuano, provocano dubbi, aprono tavoli di discussione fuori dalle mura domestiche. È tutto un chiacchiericcio tra adolescenti, denso di interrogativi che esigono risposte convincenti e si nutrono di un bisogno crescente di libertà. Maisa si è costruita un particolare modo di stare in famiglia e a scuola, ma il suo fragile equilibrio vacilla appena scopre che la madre è stata una sposa bambina e, come accade spesso nell’adolescenza, quando mancano i riferimenti per contestualizzare adeguatamente i problemi, si difende odiando sua madre.

L’autrice tratteggia con delicatezza il rapporto madre-figlia, con tutte le incomprensioni e il grande regalo dell’affetto salvifico. Troppo piccola per dire sì si pone quindi come un libro fecondo di spunti per avvicinare il pubblico di giovani lettrici e lettori a un problema che fatica a guadagnarsi la ribalta della cronaca, per i risvolti scomodi che sottende. Invece, la freschezza del racconto, mosso dal gergo giovanilistico e con i tempi e le priorità adolescenziali, riesce ad aprire una finestra di approfondimento sul pozzo del sopruso. E scusate se è poco.
Laura Bertolotti

*

 

cover

 Gigliola Alvisi, Troppo piccola per dire sì- Coccolebooks, 2016.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...