A cosa servono le carceri minorili?- Riflessioni di Carmelo Musumeci

celle-carcere-usa 

“Con la carcerazione che ho fatto da minorenne e da giovane adulto ho espiato quasi 35 anni, su 61 anni che ho compiuto quest’anno. Si può dire che sono una creatura del carcere. Forse per questo sono così cattivo.”

C. M., Diario di un ergastolano 

Qualche settimana fa, dopo la protesta di alcuni giovani detenuti in un carcere minorile del sud Italia, chiamata (con molta fantasia) “rivolta”, mi hanno colpito le dichiarazioni di alcuni addetti ai lavori, che non condivido. 
E, dati alla mano, innanzitutto desidero informare che la popolazione detenuta è prevalentemente giovane.
Infatti, secondo i dati riportati nel XII Rapporto Nazionale sulle condizioni di detenzione, fornito dall’Associazione Antigone, aggiornato al 31 marzo 2016, 4.100 detenuti hanno meno di 25 anni, la maggioranza della popolazione detenuta ha meno di 44 anni (66,4%) e quasi la metà si colloca nella fascia compresa tra i 30 e i 44 anni (45,78%). La percentuale si alza ancor di più se si parla di stranieri.
I detenuti presenti negli istituti di pena, al 28 febbraio 2015, erano 407, dei quali 168 stranieri (41,3%). Di questi giovani, il 43% non aveva ancora ricevuto una sentenza definitiva. Negli ultimi due anni, gli ingressi di questi Istituti sono diminuiti dai 1.252 del 2012 ai 992 del 2014. A parità di reato, i minori immigrati ricevono più frequentemente misure cautelari detentive, restando in carcere per un tempo maggiore rispetto agli italiani e, con meno frequenza, sono destinati a misure  alternative, come il trasferimento in comunità. La maggior parte degli adolescenti entra in carcere per reati contro il patrimonio.

.

Richard Ross- Rimango qui giorno e notte. Senza materasso né lenzuola. Mi passano i pasti attraverso questa fessura” J., 16 anni, in una cella di isolamento in un carcere minorile in Indiana.

pageimage-510800-3660835-juvenile_in_justice40orig_main

 Richard Ross- “Sto aspettando che mia mamma mi venga a prendere. È già arrivata? Voglio tornare a casa.” R.T., 10 anni, è stato portato in un carcere minorile del Nevada dopo aver pugnalato un suo compagno di classe.

schermata-2015-05-28-alle-19-44-35orig_main

Personalmente, ho conosciuto i carceri minorili all’età di quindici anni e adesso che ne ho sessanta quando vedo giovani detenuti in prigione non posso fare a meno di pensare che una società che li punisce con il carcere farà di loro dei criminali ancora più incalliti. Proprio l’altro giorno è rientrato in galera un giovane che era uscito da circa un mese. Appena l’ho visto di nuovo nel cortile a fare avanti ed indietro ho pensato che non c’è nulla da fare: attraverso il carcere, l’Italia non lotta contro la criminalità, ma la produce. E questo probabilmente perché quando vivi intorno al male, non puoi che farne parte. E in parte questo vale anche per le guardie carcerarie, che non sono nate “cattive”, ma molto spesso lo diventano a furia di vivere in un ambiente di “cattività”.

Penso che spesso non siano i reati commessi a far diventare una persona criminale, bensì i luoghi in cui è detenuto e gli anni di carcere che vengono inflitti. Oggi, nelle scale per andare in infermeria, ho trovato un giovane detenuto seduto su uno scalino, con lo sguardo fisso nel nulla. Sembrava che le sbarre di fronte a lui catturassero tutta la sua attenzione. E mi ha fatto pena perché ho visto nei suoi occhi la disperazione dei giovani detenuti tossicodipendenti. Ho pensato: “Ma questo che cazzo ci sta a fare in carcere?”. Infatti, credo che si dovrebbe stare molto attenti a mettere dei giovani in carcere, perché quando usciranno, molto probabilmente, saranno diventati più devianti e criminali di quando sono entrati. E odieranno la società e le istituzioni ancora di più, per averli fatti diventare dei “mostri”.

Almeno a me è accaduto questo… 

Carmelo Musumeci

www.carmelomusumeci.com

**

Altri riferimenti in rete
http://www.lettera43.it/attualita/carceri-riscatto-minorile_4367545635.htm

http://www.detenzioni.eu/carcere_cultura_contemporanea.php?content_type=5&content_id=3186

https://www.google.it/url?sa=i&rct=j&q=&esrc=s&source=images&cd=&ved=&url=https%3A%2F%2Fec.europa.eu%2Fepale%2Fit%2Fblog%2Fil-carcere-luogo-di-reinserimento-o-solo-luogo-di-espiazione-le-premesse-di-una-rilevazione-del&psig=AFQjCNFIAx7xLVNSWc-arLCV-Shywf-VNw&ust=1476360568233198

3 pensieri su “A cosa servono le carceri minorili?- Riflessioni di Carmelo Musumeci

  1. Terribile….
    Ottima analisi alla quale nessuno vuole porre mano. Eppure si tratta di giovani, ed è dei giovani il futuro di questo paese; non è forse compito degli adulti impegnarsi a trovare le soluzioni per costruire e aiutare?

    che mondo ….

  2. Caro Carmelo, la tua ombra è luce fortissima da quando hai deciso di non farti imprigionare le labbra. Qualche anno fa ho portato insieme a mia moglie uno spettacolo teatrale nella casa circondariale di Sant’Anna a Modena. Dopo lo spettacolo i detenuti hanno raccontato le loro esperienze durissime , ci hanno stretto le mani e sembrava quasi non ce le volessero più lasciare. Noi eravamo sul palco e loro volevano essere tirati su in quel mondo di controrealta’ e liberazione.Gli agenti li strappavano via e li spingevano a forza verso le celle. ..
    Continua Carmelo a far vibrare la voce dal palco su cui hai avuto il coraggio di salire.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...