Raffaella Terribile- Impostazioni…in postazioni per vivere

jason decaires taylor

Jason_deCaires_Taylor_sculpture-02623_Jason-deCaires-Taylor_Sculpture.

.

Non capisco la poesia
queste parole lanciate
sull’azzardo della vita
come dadi insinceri
queste parole sospese
scritte per non dire
gli arcobaleni gli angeli
gli amori che tradiscono
le luminarie delle distanze
gli specchietti per allodole
trafitte dalle insegne
dell’intelligenza.

Ho fame di parole vere.
di dita intrecciate.
Vorrei passare sulle cose
sfiorandole appena
come un insetto sull’acqua disegna
cerchi sulla superficie liquida.
Mi vedo muovere tra cristalli
infranti, scomposta nelle infinite lacrime
per atti parole sbagliati.
Questo andare questo fare
deve avere un tempo
ritrovato, una ragione
riconosciuta, una volontà
presente. Un senso restituito
al mio vagare incerto,
all’impalpabile consistenza
del mio essere nei giorni
appena sfiorati e già dimenticati.
Leggerezza che si fa tocco,
presenza
all’anima alla pelle.

.

jason decaires taylor

30-sculpture-modern-art-jason-decaires-taylor-sculpture

.

Sono le ore della distanza
di una strada che si snoda sulle colline
quando il silenzio si fa immagine
la tela riprende a brulicare
punti ciechi, lasciati da una mano
invisibile.
Il disincanto non si vede, nella trama
fitta di piccoli segni
esistono anche silenzi
buoni.

Chissà se è rimasto
qualcosa di me
in te
Chissà se nei silenzi
improvvisa risuona
una voce e
ti ricorda la mia
Chissà se una primavera
lontana
illumina la stanza
dei ricordi
Chissà se qualcosa
resta
e ti parla di noi.

.

jason decaires taylor

3-sculpture-modern-art-jason-decaires-taylor-sculpture

.

Schegge di ossidiana
le tue parole
lucide taglienti fredde
le porto con me
stringendole nella mano.

*

Misuro i miei passi nel tempo
dal non esserci, dai silenzi
vuoti che riempiono gli occhi
dalle rughe nello specchio
delle cose di sempre.

*

Memorie di risacca salina
del tuo corpo sul mio potente
curvilineo abbraccio di confini
dischiusi negli sguardi percorsi
notturni nel buio dei giorni
onde di una marea mai
placata.

.

jason decaires taylor

7-sculpture-modern-art-jason-decaires-taylor-sculpture

.

C’è un tempo per i campi aperti alla bufera
c’è un tempo per i cieli di rondini
un tempo per pensare
un tempo per appartenersi
senza possedersi mai
o solo qualche volta
quando fa troppo male il cuore.

*

Il tardivo sapore del calice bevuto
E il rosso vino delle colline
Lascia una patina di silenzi
e sogni caduti sulla strada già
presa. La strada lasciata
nasconde una domanda,
è lì che temi di trovare
la tua risposta.

*

Si può accarezzare un silenzio?
Quando lo vedo sulle tue palpebre
lontane, in spazi
che non mi appartengono
geografia muta di ignoti
segni che le parole
Non restituiscono.

.

jason decaires taylor

1-sculpture-modern-art-jason-decaires-taylor-sculpture_0

.

L’inquieto ordine delle cose,
il tocco rapido dello sguardo sull’ovvietà
del quotidiano annoiarsi, l’incertezza
sottile della piena comprensione
della nota stonata, dell’anello
debole, della parte mancante.
La più importante.
Ordinario vacillare delle cose in un silenzio
presente, in un’assenza che pesa.
Dimenticare, e sarà per la gioia
il momento accaduto nella trama
fitta ritrovata.

Raffaella Terribile

Annunci

2 pensieri su “Raffaella Terribile- Impostazioni…in postazioni per vivere

  1. sono davvero contenta di ascoltare di nuovo le Vostre voci e i vostri silenzi, questa … fitta trama ritrovata, questa voce di Raffaella così sonora

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...