Come a scuola anche il carcere: i trasferimenti li decidono altri!- Francesca de Carolis

mário tropa

Mário Tropa _paintings_Portugal_artodyssey (14).

 

Se ne parlava, se ne parlava da qualche tempo. La parola “trasferimento” aleggiava qua e là, anche quando non pronunciata, tra le righe. Poi mi arriva la lettera di Pasquale De Feo, che già a prenderla in mano si capisce che qualcosa non va. Non arriva più dal carcere di Catanzaro. Il mittente scrive da Massama. Oristano, per intenderci. Profonda Sardegna. “Cara Francesca, mi scrive, temo che quando verrai a Catanzaro per “l’incontro con l’autore”  non mi troverai. Mi hanno deportato in Sardegna. Da una settimana sono solo in sezione, dovrebbero arrivare altri prigionieri. Non me l’aspettavo, anche perché non ho fornito pretesti… “.

No, sono certa che Pasquale De Feo pretesti non ne abbia forniti. Ma certo inquieta non poco, il fatto che la prima cosa che abbia pensato sia una ‘punizione’, di cui non trova logica spiegazione. Come è difficile trovare una logica, che sia accettabile, nei trasferimenti che si stanno compiendo in questi giorni. Per radunare tutti insieme i ‘cattivissimi’ delle sezioni di Alta Sicurezza, chiudendo alcune sezioni AS1 sparse qua e là per l’Italia.

Qualcuno è già andato a infoltire le fila dei “cattivi” di Opera. Qualcun altro è già stato spedito a Sulmona, il carcere dei suicidi, come lo chiamano. Molti, se il programma va avanti, finiranno in Sardegna, a riempire quelle carceri costruite apposta per loro, dalla nostra malsana italietta, in un periodo piuttosto discutibile. Il piano carceri del 2002-2003 del governo Berlusconi, ricordate? E il filo rosso che, niente di penalmente rilevante, per carità, ma teneva insieme alcune  società nella realizzazione dei più rilevanti interventi pubblici in Sardegna degli ultimi anni.  E dacché sono stati costruite, adesso andranno ben riempite, quelle carceri… a fare della Sardegna  una grande Asinara, mi viene da pensare…

 

E i detenuti? L’impressione è che siano semplicemente delle pedine da spostare in un disumano gioco per riempire caselle. Come pacchi, come cose. Tutto molto coerente, a dire la verità, con il processo di reificazione delle persone che, parole a parte, di fatto tende a incarnare il sistema carcerario.

 

E invece ci sono i nomi, i volti, e le storie… A qualcuno dovrà pure importare di questi nomi , di questi volti, di queste storie. Dovrà pure importare sapere che si tratta di persone in carcere da decenni e che spesso un percorso in questi anni l’hanno pure compiuto. Come accade a Padova, ad esempio. Dove si sono compiuti percorsi molto interessanti, dove c’è un polo Universitario, dove qualcuno si è laureato, dove grazie alla redazione di Ristretti Orizzonti è stato possibile ricominciare a tessere relazioni, basta pensare agli effetti positivi degli incontri con le scuole…. Dove, in una parola, si cerca di realizzare quello che pure la Costituzione chiede, ossia il famoso  “recupero”. Che altro non può essere che riavvicinamento alla società…

Alcuni di questi ‘cattivissimi’ dell’Alta Sicurezza li ho conosciuti, con alcuni, qua e là per l’Italia, ci scambiamo lettere. Mi raccontano dei loro percorsi, delle difficoltà, delle  letture, degli studi che comunque portano avanti. Nulla a che vedere, vi assicuro , con l’immagine stereotipata su cui insistono ( ahinoi) i media, del delinquente rozzo e analfabeta. Molti, a volte, mi mettono in difficoltà, perché tante cose io non le ho studiate… e non è facile confrontarsi con la nuova forza di chi  nello studio ha scoperto nuove dimensioni, di chi nella storia cerca anche le ragioni della propria vicenda esistenziale… Perché in AS1 si incontra anche questo e non necessariamente, come ho letto in uno sbrigativo articolo sui futuri ospiti delle carceri sarde, “pericolosi criminali”.

Ma per i più rimane la condanna all’Alta sicurezza.

Eppure, c’è qualcosa che non va, mi sono sempre detta, se dopo decenni di carcere le procure continuano a negare declassificazioni, inchiodando le persone al momento del reato. Ci sarebbe da chiedersi, se dopo lunghissime carcerazioni queste persone  sono ancora così pericolose, se sono esattamente quello che erano quando sono entrate, cosa ha mai fatto il carcere? Non è questo un dichiarare il suo stesso fallimento? La sua inutilità? Personalmente penso che a volte le mancate declassificazioni siano anche il risultato di un’attività, e di una pigrizia, del tutto burocratica, che, per non assumersi responsabilità in merito, inchioda al passato persone che oggi nulla hanno a che vedere con quello che sono state,  indipendentemente dal fatto che siano state o no collaboratori di giustizia. Che, diciamoci la verità, è scelta processuale e non testimonianza di vero pentimento. “Il  problema rimane sempre lo stesso, mi scrive da Padova Giovanni Zito, sono convinti che se le persone non diventano collaboratori di giustizia non potranno cambiare… comunque sono ancora vivo e fiducioso”. Giovanni Zito… che qualche anno fa ha scritto un bellissimo racconto, dal titolo ‘Sono Giovanni e cammino sotto il sole’. Oggi, nella lettera che mi manda annota: “Giovanni ha smesso da tempo di camminare sotto il sole…”

La verità, permettetemi, da quello che vedo, da quello che so, è che il carcere non vuole rieducare. Ma punisce e vessa. E continuo a pensare che tutto quello che non è privazione della libertà (non è in questo, e scusate se è poco,  che  deve consistere la pena carceraria? ), tutto quello che vi si aggiunge è solo tortura…

E non è tortura spezzare percorsi faticosamente ricostruiti? Non è tortura dire, senza guardare in faccia nessuno, non mi interessa capire se sei cambiato, se recido i rapporti ricostruiti, se rendo ancora più difficile, allontanandoti, i rapporti con i familiari… Già, i familiari, ad esempio. Che fine faranno i rapporti familiari, già difficili e tormentati, per chi dovrà essere inseguito fino in Sardegna, ad esempio?

E non è questa punizione che si aggiunge a punizione? Eppure l’ordinamento stesso riconosce l’importanza dei legami familiari e il principio della territorialità della pena… e bla bla bla… eppure, a Mario Trudu, sardo, in carcere da 36 anni, che chiede di avvicinarsi ai suoi in un carcere della Sardegna, il trasferimento non è concesso…

Ma come può mai insegnare la legalità uno stato che viola le sue stesse norme? Che riesce, mi ha scritto qualcuno, “ad essere più cattivo di noi”.

“Ma  cosa deve fare un uomo per dimostrare che non è più ciò che è stato un tempo? (…) avevo incominciato a pensare, a sognare, e soprattutto a sperare, dando a mia volta speranza alla mia famiglia che da ormai ventiquattro anni  mi segue in questo inferno senza fine (…)”. Queste sono le parole di Giuseppe Zagari, trasferito qualche settimana fa da Padova al carcere dei suicidi, Sulmona, appunto…

Scusate le tante domande e il tono da  predica, ma da quando ho conosciuto qualcosa della realtà del carcere, me ne vergogno, e  molto… Oggi mi vergogno molto di quest’ultima violenza che viene fatta a persone che con un colpo di penna rischiano di essere ributtate nel nulla.

 

Francesca de Carolis

http://www.ristretti.org/Le-Notizie-di-Ristretti/detenuti-as-pedine-da-spostare-in-un-disumano-gioco-per-riempire-caselle

Un pensiero su “Come a scuola anche il carcere: i trasferimenti li decidono altri!- Francesca de Carolis

  1. Che tristezza, è proprio così.
    A dir la verità solo una piccola parte dei diritti che spettano a queste persone viene loro applicato.
    Recupero è una grossa parola. Il più delle volte questo recupero lo fanno da soli, chi studia, chi tiene un carattere, chi è riuscito a fare un percorso dentro sè stesso ed è pronto a ricominciare….se non è che la paura del fuori lo fa vacillare.
    Poche persone e istituzioni fuori dal carcere offrono sostegno e solidarietà: vicinanza.
    Lo stato, noi…la società è completamente assente.

    All’Asinara non si stava male, mi diceva una persona che vi è stata per cinque anni.
    Mi diceva che era…si sentiva libero perchè durante il giorno lavorava…faceva il contadino. Stava all’aria aperta godeva dalla natura.
    Ma i familiari erano lontanissimi su, al nord…e arrivare qui erano soldi….e tanti per un viaggio infinito pullman, treno, nave…e ancora pullman e nuovamente mare….assurdo

    Uno stato che non si occupa di disabili, ignora le persone prigioniere. Uno stato che ha fallito.
    (beh…dal numero di persone che sbagliano già si capisce come vanno le cose al di fuori)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...