QUATTRO ISTANTANEE SU ALBERTO TONI- Anna maria Farabbi

alex cherry florence and the machine

Alex Cherry Florence And The Machine

.

Particolarmente intensi questi ultimi anni per questo poeta romano che mostra sempre limpide e salde cifre di colta eleganza. Toni si affaccia in quattro pubblicazioni importanti, raffinate e preziose di cui schizzo alcune essenze:

Polvere, sassi, oli- con disegni e incisioni di Franco Fanelli, 2012
La pregiata carta ospita l’innesto di due arti e artisti che si bilanciano per complementarità. La densità scura e greve di Franco Fanelli richiama paesaggi rocciosi, terre con luce interna schiarente mentre la penna di Toni fluisce con punte di visioni cristalline. Stessi silenzi. Sporge un testo in dialetto romanesco.

Et Allons – Edizioni Progetto Cultura, 2013. Collezioni di quaderni di poesia “Le gemme” curata da Cinzia Marulli Ramadori.
L’opera è introdotta da Marco Vitale, qui come sempre attento e preciso nella sua interpretazione critica, e chiama a sé il genio poetico di Arthur Rimbaud. Il respiro della poesia di Toni diffonde qui modulazioni di congedo, sospensioni meditative e mappe del cuore pensante, tracciate con variabili.

Stone Green, Selected Poems 1980 – 2010- Gradiva Publications, 2014.
Necessaria questa antologica essenziale che attraversa ben trenta anni di ricerca poetica offerta in inglese dalla traduzione di Anamaria Crowe Serrano e Roccardo Duranti. Da “Nuovi Argomenti” alle prime pubblicazioni di “Rossi & Spera”, “Empiria” fino a “Jaca Book” e “Passigli” il filo qualitativo tende con pari valore, rilevando una mano fin da subito matura e distinguibile. Il libro, oltre a varcare l’Oceano, dà la possibilità al lettore italiano di vedere confermata una personalità poetica con identità originale nel panorama letterario italiano.

Vivo così-Nomos Edizioni.
Qui, la lunga, partecipata introduzione di Mario Santagostini accorda gli strumenti critici per il lettore, prima del suo viaggio nell’ultima pubblicazione di Toni. La riflessione di Santagostini tocca in estrema profondità il ritratto artistico del poeta, cercandolo in varie, possibili, tensioni. Il titolo nomina una propria fierezza autonoma, sobria, mai ostentata, una singolarità di voce fuori dal coro. Ma anche una poetica che dal quotidiano afferra la diagonale di una luce esistenziale, risolvendola razionalmente con parole acute.

.
Vanno ancora avanti schiere di claudicanti.
Tutto può accadere in quest’ora di miseria.
La piazza è libera.
Seguivano Dio
fino alla fine.
.

anna maria farabbi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...