POESIA CONTRO LA GUERRA- postazione permanente [XIII]- Laura Pezzola

 hester cox 

 hester cox

 

FRONTIERE

Fili spinati impigliano.
Sorvegliano affranti
i naufraghi del vento

Svanite le anime
restano platani e pioppi
a consolare i corpi
ingoiati dal fango

A mezzogiorno
il ricamo dell’orizzonte
esplode nei mercati
gonfio di napalm

Sulle teste di cuoio
singhiozzano le armi

I poeti inadatti alla rivolta
stipano cattedrali di versi
nei vagoni piombati dei treni

dove a migliaia scompaiono
gli sguardi familiari
degli uomini.

Laura Pezzola

Annunci

Un pensiero su “POESIA CONTRO LA GUERRA- postazione permanente [XIII]- Laura Pezzola

  1. Mai come di questi tempi, la postazione permanente della poesia contro la guerra è un luogo necessario. E I poeti inadatti alla rivolta \ ma anche ad ogni guerra di fratello contro fratello. Bravissima Laura Pezzola, una rivelazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...