ISTANTANEE- Fernanda Ferraresso: Fantasmi e scene di Antonio Palmerini

antonio palmerini- some times I catch myself far from myself

tumblr_n7rmws7VkU1s2myi1o1_500.

L’ho incontrato per caso, girando in rete alla ricerca di un altro artista. In Tumbler una foto e poi la ricerca specifica. Palmerini cita testi poetici, uno di questi afferma che

Se non riesci a dormire la notte, è perché sei sveglio nel sogno di qualcun altro.


E le sue fotografie sono, secondo me, trasmigrazioni, dai sogni ai segni, quelli lasciati dai nostri gesti nell’aria, tra le cose che tocchiamo, abbandoniamo, amiamo,…
C’è l’anima vagabonda dei nostri fantasmi, la proiezione, forse, dei nostri pensieri, del mondo immaginario che rilasciamo senza accorgercene, magari sospirando ed è là che si forma quella fanta-alma, il nostro fantasma che inizia a girare con noi, davanti a noi, mostrandoci un altro mondo che prima non percepivamo perché distante da noi mentre ci era prossimo. E c’è, nei fotogrammi di Palmerini, qualcosa di Friedrich, ma a rovescio in quanto noi vediamo il soggetto, vediamo il suo sguardo, vediamo il paesaggio o la scena in cui è immerso ma. Non sappiamo affatto quale sia l’oggetto della sua attenzione, ci supera, ci attraversa e noi lei, lui o le cose. Tutto è una realtà che sfuma, sfugge, si sgrana e si forma, pelle pellicola dello sguardo

Credo che sarebbe azzeccato anche per questi “quadri” di Palmerini  il commento a suo tempo scritto dal drammaturgo, Heinrich von Kleist a proposito di un dipinto di Friedrich famosissimo, il Monaco in riva al mare.  Egli scrive appunto che:
« […] tutto ciò che avrei dovuto trovare nel quadro, lo trovai tra me e il quadro […] e così io stesso divenni il monaco, il dipinto divenne una duna, ma ciò su cui doveva spaziare il mio sguardo nostalgico, il mare, mancava del tutto. Nulla può essere più triste […]. Con i suoi due o tre oggetti ricchi di mistero, il dipinto è simile all’Apocalisse, come se avesse i pensieri notturni dello Young, e poiché nella sua uniformità sconfinata non ha altro primo piano della cornice, guardandolo si ha l’impressione di avere le palpebre tagliate. E tuttavia il pittore ha indubbiamente aperto un cammino nuovo nel campo della sua arte […] »

Credo che altrettanto faccia Palmerini, proponendo nelle sue apocalissi del colore una genesi dei toni, vivi, netti, in chi percepisce l’immagine e la sente formarsi come corpo interiore e non un’ inerte trasmissione di segni.
Il nero, di Palmerini, è sostanza plastica ed è corpo quanto l’immagine che vi si scontorna, mentre lo cogliamo attraverso lo sguardo, cammina lungo il nostro orizzonte premendo un segno, un chiaro-scuro di matita luce che espande in noi un’essenza, la nostra percorrenza in una vita che in quel nero, di fatto si allarga, s’illumina di riflessioni, di attese, afferra i nostri black out e ne trae i corpi così come li abbiamo persi in una rincorsa precipitosa, perché qui, nelle fotografie di Palmerini il tempo non accelera mai, anzi rallenta, quasi frena, permettendo l’espansione dello sguardo o del segno di un volto che ci tocca, preciso, ci propone una domanda che solo noi, solo in noi, troverà la propria risposta.
C’è inoltre, a mio avviso, qualcosa delle ambientazioni di Sironi, in quelle scene vuote, in cui solo una persona, una figura, s’inscrive nell’ambiente, senza modificarlo perché anch’esso è il suo corpo dilatato.

.

antonio palmerini

tumblr_mv9ljeLS781s2myi1o1_1280

tumblr_n74ekos1IG1s2myi1o1_1280

tumblr_mq4eiuxkxU1s2myi1o1_1280

tumblr_n61kd6GrXx1s2myi1o1_1280

tumblr_ncbdqnwYcs1s2myi1o1_1280

tumblr_mlswc20Una1s2myi1o1_1280

mario sironi

Sironi---Paesaggio-Urbano---marco-Cuttica_23158_18462
mario sironi

mario_sironi_002_paesaggio_urbano_1921
mario sironi

la-bella-del-sestiere-donna-con-fiore-1926.

La tecnica della doppia esposizione non basta a spiegare le sue immagini, quell’effetto straniante che ci riporta al sogno, all’abbozzo di un disegno a china o con matita grassa, gode di una dis-posizione molto, molto più lunga, perché è quella dell’anima dell’autore di questi scatti, che afferra l’attimo e il prodigio che tocca in sé, con altri contrasti facendone tecnica descrittiva: per cui ogni fotografia è la doppia esposizione di sé in ogni soggetto che rappresenta, le lunghe esposizioni ad alto contrasto sono quello che Palmerini risolve in sé, facendone la sua pelle abitacolo abitabile, in cui appunto sogni e segni sono impulsi istantanei del suo mondo interiore, subconscio che si dice con tocchi e tratti di disegno, graffi, specchiature, rotazioni di un cosmo che è l’attimo e il ponte verso l’altro o l’altrove.
Ci scriviamo, di tanto in tanto, ciascuno di noi lascia all’altro un segnale e un segno, quanto basta per godere dell’incontro.

 

fernanda ferraresso

 

RIFERIMENTI IN RETE:

http://antoniopalmerini.tumblr.com/

https://www.flickr.com/photos/65776569@N03/

10 pensieri su “ISTANTANEE- Fernanda Ferraresso: Fantasmi e scene di Antonio Palmerini

  1. è una bella nota e porta numerose riflessioni oltre l’incontro che non può consumarsi in uno sguardo veloce ma accrescerci in un segno che dimori

  2. grandissima sensibilità e intuito nelle tue parole, adesione totale e abbandono a ciò che le immagini scatenano, evocano…la pelle “abitacolo abitabile” in cui “sogni e segni sono impulsi istantanei del mondo interiore”, subconscio “rotazioni di un cosmo che è l’attimo e il ponte verso l’altro e l’altrove”. Grande Fernanda Ferraresso. Grande Mario Sironi…

  3. mi piacciono in modo particolare i suoi scatti, per tutti i motivi che ho detto e anche qualcosa che ancora mi sfugge ma mi affascina e mi cattura ogni volta.Grazie per la lettura e spero che anche tu lo apprezzi perché è davvero molto particolare e mai prodotto mercantile ma arte.ferni

  4. Ogni particolare di quest’intervento è entusiasmante e stimolante. Grazie per avermi fatto conoscere un nuovo artista e per i moltissimi suggerimenti di riflessione, approfondimento e lettura.

  5. Grazie Antonio e altri, molti altri sono gli artisti a cui vorrei dare più spazio e più attenzione, senza correre ma molto è tutto ciò su cui devo comunque rivolgermi e su cui soffermarmi- A presto, con altri autori ancora. ferni

  6. Grazie sempre, carissima Fernanda, dei tuoi preziosi invii e della tua indispensabile presenza. Un grande augurio e un affettuoso saluto anche da parte di Gabriella,

    Mariella B.

  7. Quei versi che citi all’inizio “Se non riesci a dormire la notte, è perché sei sveglio nel sogno di qualcun altro” continuano a frullarmi in testa, e così queste fotografie straordinarie che tu hai commentato riuscendo a penetrare e spiegare il loro mistero. Grazie di questa scoperta, anche perché le foto di Palmerini mi hanno riportato alla memoria un altro fotografo che avevo purtroppo dimenticato, Evgen Bavcar, un fotografo famoso anche per il fatto di essere cieco. Ma davvero c’è qualcosa che agli occhi sfugge e che queste foto riescono a catturare.

  8. Ne sono contenta perché con Palmerini c’è un dialogo particolare e segreto agli altri, le nostre scritture restano come le sue immagini fantasmi ma presenti, ciascuno di noi le porta in sè, insieme con il dono che i nostri percorsi portano l’uno all’altro.
    Di Evgen Bavcar, scrissi tempo fa, ti lascio il link se può interessarti. Di nuovo grazie per l’attenzione, f.
    https://cartesensibili.wordpress.com/2011/10/22/%E2%80%9Cil-terzo-occhio-di-evgen-bavcar%E2%80%9D-dalla-rete-in-una-trama-di-immagini/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...