Simonetta Met Sambiase presenta il Premio Sgarrupato e il SELF- Secondigliano Libro Festival

CONCORSO SELF def. .

Quanti anni sono passati dal libro di Marcello D’Orta sulla capacità di lottare contro le “scarrupaggini” della realtà sociale dei bambini di una piccola cittadina partenopea? Quindici anni. E il suo autore se ne andato giusto un anno fa. La sua opera letteraria non rientrava in nessuna classificazione (Filosofia? Didattica? Letteratura? Diario scolastico?), ma ricordiamo che: Fu un successo di vendita e di critica; fu trasformata in un film diretto da Lina Wertmuller; e ancor di più, il suo titolo è diventato una locuzione, un modo di dire identificante: “Io? Speriamo che ora me la cavo…”.
In memoria dello scrittore, è nato un premio, Il “legato ad un progetto ambizioso assai”, il SELf, Secondigliano Libro Festival.
Secondigliano è un grosso quartiere partenopeo, una cerniera popolata e popolare fra l’ultima collinetta della città e la sterminata rete dei paesini della prima periferia della metropoli. Una parte si compone di un lungo corso dove ancora si possono trovare dei piccoli segnali urbanistici di quando il quartiere era ancora il “luogo dell’aria buona – la Bellaria – , quella delle masserie urbane legatissime all’agricoltura (e ai Borboni), un’altra invece è affollata da palazzi costruiti a partire dalla fine degli anni ’50 in poi. L’ultima sua parte è quella dei rioni costruiti con l’avallo di una legge del 1962 legata allo sviluppo di aree per l’edilizia economica e popolare, la 167 insomma. Avete presente Gomorra? Film e libro. La 167 è lì, dietro le spalle di quel corso e di tutti quei ragazzi che sperano di cavarsela e se la cavano, anche se queste storie spesso non vengono raccontate. Invece il SeLF le vuole raccontare e si sta dando da fare per raccontarle, proprio attraverso cultura e giovani. Il progetto è nato due anni fa, per iniziativa dell’associazione italiana maestri cattolici (Aimc) e da lì ha continuato a chiamare le istituzioni. Vi partecipano complessivamente 12 classi, per un insieme di oltre 220 studenti, di cui 10 terze medie e due del primo istituto. Direttore del progetto è Salvatore Testa, anima infaticabile di giornalista a cui la pensione dice poco, come ben si vede. Il progetto si articola in tre fasi: nella prima, a cura degli organizzatori, viene acquistato e distribuito un adeguato numero di copie di tre libri di narrativa di autori contemporanei locali sui temi che riguardano la città, l’ambiente e la legalità. I libri vengono letti a scuola e commentati in classe una volta a settimana; nella seconda fase sono previsti tre incontri collettivi degli studenti con gli autori dei libri; la terza fase consiste in una manifestazione pubblica finale, nell’ultima decade di maggio, nel corso della quale gli studenti votano il libro preferito, cui viene assegnato appunto il “Premio Sgarrupato”,.
Ma SeLF, che mette assieme tutte le scuole del quartiere, non perde di vista i bambini più piccoli, ai quali è destinato un progetto di scrittura che quest’anno ha per tema “A carocchia a carocchia Pulicenella accerette ‘a mugliera” (Con piccoli colpi in testa Pulcinella uccise la moglie – Un paradosso per sottolinea come la perseveranza, alla fine, dà risultati positivi). In pratica, i ragazzi delle quinte elementari (saranno una quindicina di classi per circa 300 alunni) di tutte le scuole del quartiere, sono invitati a raccontare storie di fantasia che prendano spunto dalla storia e dalla cultura napoletana e che abbiano come voce narrante la celebre maschera. Gli autori sono i bambini delle quinte classi delle scuole elementari di Secondigliano, a cura di Tonia Morgani, Salvatore Testa e Beatrice Tessitore. Il disegno originale è stato realizzato dall’artista napoletano Lello Esposito con i ragazzi di tre scuole elementari nel corso della manifestazione di chiusura e presentazione dei disegni dello scorso anno. Le dimensioni del libro, che probabilmente è il più grande mai realizzato per bambini e da bambini, sono 100 cmx70 cm.I lavori saranno raccolti in un volume che sarà presentato al pubblico in primavera.

Simonetta Met Sambiase

 

Annunci

2 pensieri su “Simonetta Met Sambiase presenta il Premio Sgarrupato e il SELF- Secondigliano Libro Festival

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...