ISTANTANEE- Anna Maria Farabbi: Tre stazioni

jaqueline alkema

Jaqueline Alkema  (4).

Merita una sosta e un invito di lettura questa opera di Antonella Anedda, sorta molti anni fa, prima della sua affermazione editoriale imponente tra case editrici di elevata diffusione come Feltrinelli e Mondadori. Prima della cascata di premi ricevuti, prima della consacrazione da parte della critica letteraria più prestigiosa.
Qui Anedda si concentra creando oasi di prosa meditativa, facendo perno su tematiche a lei care, veri e propri semi della sua sostanza poetica. La scrittura, asciutta e secante, indovina le soglie, i confini delle sostanze esistenziali, l’asse della bilancia tra il piatto lucente della grazia e quello cupo del dolore. Entriamo nel suo battito, nel suo inchiostro, tastando la consistenza impermanente della nostra capacità al bene e quella, più tenace, rivolta al male. Attraversiamo le trame della lentezza e della qualità attiva dell’attesa, incontriamo la nudità di Francesco, la risposta di Cristo ai soldati nel Getzemani, il cane leggero di Veronese nell’Ultima cena e la voce di Hannah Arendt.
Il libro è curato artigianalmente con copertina incollata e sigillo: è una delle gemme del vecchio catalogo LietoColle.

.

anna maria farabbi

**

.

copj170.asp

Antonella Anedda, Tre stazioni -LietoColle 2003

Annunci

Un pensiero su “ISTANTANEE- Anna Maria Farabbi: Tre stazioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...