QUANDO NASCO LA MIA TERRA- LE GUIDE ELABORATE DALLE DONNE- Centro Documentazione Donne- Bologna

quando nasco la mia terra

**

PRESENTAZIONE

 QUANDO NASCO LA MIA TERRA
LE GUIDE ELABORATE DALLE DONN
E

Centro Documentazione Donne- Bologna

c/o Convento di Santa Cristina – Via del Piombo 5, 40215 Bologna

 23 OTTOBRE A BOLOGNAore 18 – 20.00

Donne che scrivono della loro terra
Cinque guide speciali

*

 

La “Guida sentimentale di Trieste” (a cura di Gabriella Musetti, Arber Librorum, 2011) è il prodotto di un Laboratorio di scrittura presso la Casa Internazionale delle Donne di Trieste.

“Bologna a modo nostro – Trame, percorsi, emozioni“ (a cura di Maria Beatrice Masella e Alba Piolanti, Biblioteca Scriviconloscrittore, 2012) è frutto della scrittura di un gruppo di donne bolognesi.

“Guida sentimentale di Sasso Marconi – Le donne raccontano: luoghi, storie, paesaggi” (a cura di Vittoria Ravagli – Comune di Sasso. Assessorato P.O.), frutto di un laboratorio di donne autogestito (ora Gruppo Donne di Sasso).

–  “ La guida celeste di glorie terrestri: Voci di Donne fra Secchia e Panaro” ( Rossopietra 2014). Gruppo donne di Modena, con un libro collettivo di poesie e prose.

“Perugia” – Ed.Unicopli – a cura di Anna Maria Farabbi  – un libro prezioso che offre in palmo di mano la città di Perugia di cui parlare insieme.

 

Trieste – Una città raccontata al femminile, rivissuta come luogo della propria soggettività, guardata con amore, con quella dose necessaria di disincanto e ironia, con dolore, con gioia, con nostalgia, con rimpianto, attraverso la ricerca di una comprensione degli eventi accaduti, con la voglia di ripercorrere ambienti e spazi che hanno a che fare con le storie private di ognuna. E’ un modo di riprendere confidenza con i luoghi che hanno accompagnato le esperienze di ogni crescita, di ogni passaggio importante di vita, dai momenti dell’infanzia e della giovinezza, alla maturità e al presente, collocati in un contesto concreto di spazi che connotano la città, la sua fisionomia, rivelano tracce della sua storia, mostrano il suo aspetto contemporaneo.

Bologna – In questo libro è l’abbraccio fra le donne e la città, lo scambio di doni reciproci, l’intreccio di vite private e pubbliche, di storie personali e storia cittadina. Non solo: le parole di questa guida sono le emozioni, i passi, gli sguardi, le luci e le ombre che la città regala a chi sa guardare, ascoltare, sentire.

Sasso Marconi – Dopo Trieste e Bologna, a Sasso Marconi una ventina di donne che nella maggioranza dei casi non si è mai incrociata per le strade del paese dà vita alla “ Guida sentimentale di Sasso Marconi”. La nostra guida è fatta di paesaggi, racconti di vita tramandati, di ricordi, di Memoria, di emozioni: in primo piano Sasso Marconi, i suoi fiumi, le sue splendide colline, i ponti, le chiese, le case, le ville, gli animali. E ci siamo noi, con le nostre vite di donne giovani e meno giovani, unite da questa bellissima storia.

Modena – Il libro, promosso da “donne tra Secchia e Panaro”, nasce dal desiderio di celebrare la bellezza naturale, umana e spirituale della nostra terra, a partire dal nostro essere donne, affidandoci alla sensibilità femminile come oriente che mette in luce il gioco fra visibile e invisibile, oltre la storia dei rapporti di forza e verso una visione della realtà quale rivelazione amorosa.

Perugia – Dice Anna Maria farabbi:- Ho accolto l’invito dell’editore Unicopli per leggere Perugia attraverso trame artistiche e letterarie. L’ho fatto per conciliarmi con la città, cercandola in un corpo a corpo, tra le sue pietre, i suoi venti, i maestri e le maestre che l’hanno respirata, le esistenze che hanno offerto la propria vita per la sua identità. Ho voluto creare una narrazione a più voci, ognuna delle quali componesse una faccia della città. Ho cercato di scrostare retoriche, sublimazioni, necrosi puntando la luce su due straordinari maestri perugini del novecento: Aldo Capitini – la sua nonviolenza – e Walter Binni – nella sua energia laica politica e letteraria. Spalancando la vita e l’opera di tante maestre vissute a Perugia, tra cui le due più grandi poete del secolo scorso, Vittoria Aganoor e Alinda Bonacci Brunamonti. Credo che ogni città sia una dimensione organica vivissima. – 

 

Lo sguardo di noi donne può leggere lo spazio e i tempi del territorio, rovesciando abituate politiche e canoni culturali, riscattando forze inedite, aprendo segni femminili seppelliti, dimenticati, mistificati. A.M. Farabbi

**

RIFERIMENTI:

cartesensibili-2014/09/08/-Tempiquieti-Vittoria Ravagli-una guida particolare

cartesensibili-2014/10/07/Milena Nicolini-guida-celeste-di-glorie-terrestri-voci-di-donne-tra-secchia-e-panaro/

cartesensibili-2013/05/11/tempi-quieti-vittoria-ravagli-intervista-ad-alba-piolanti-curatrice-di-bologna-a-modo-nostro/

http://www.women.it/cddbologna/

http://bibliotecadelledonne.women.it/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...