Mantova. “Segni d’Infanzia”: festival internazionale d’arte e teatro per l’infanzia.

 

 

 

Segni d’infanzia, festival internazionale d’arte e teatro per l’infanzia si prepara alla sesta edizione che si svolgerà a Mantova dal 10 al 13 novembre 2011. Si rinnova il grande appuntamento dedicato all’arte e al teatro per l’infanzia, organizzato dall’Associazione artistica e culturale Segni d’infanzia, promosso dal Comune di Mantova e sostenuto da Rappresentanza della Commissione Europea, Regione Lombardia, Provincia di Mantova, Palazzo Ducale, Camera di Commercio di Mantova, Fondazione Banca Agricola Mantovana, Fondazione Comunità Mantovana Onlus, Ambasciata di Norvegia e Parco del Mincio, oltre che da numerosi sponsor privati.

 

In un anno particolarmente difficile per la cultura a livello nazionale e internazionale, Segni d’infanzia cambia taglia e passa a quattro giorni in cui racchiude nella splendida cornice della città di Mantova alcune tra le più innovative e originali proposte del panorama artistico internazionale. Tutti i generi teatrali contribuiranno a creare un’emozionante atmosfera piena di colori, magie e suggestioni, dal teatro classico alle performances più acrobatiche, dai concerti alla danza, dai percorsi espositivi ai laboratori.

 

In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, Segni d’infanzia si tinge di bianco, rosso e verde per ricordare l’importanza del valore dell’unità, soprattutto nei momenti difficili. L’apertura ufficiale del festival, mercoledì 9 novembre alle ore 17.00 presso la Loggia del Grano, sarà un’importante occasione per celebrare questa ricorrenza: dopo i saluti istituzionali, Segni d’infanzia invita infatti tutti i bambini con le loro maestre e i loro famigliari a cantare insieme l’inno d’Italia dando vita a una vera e propria “Inaugurazione tricolore”. Confermandosi evento unico nel suo genere in Italia dedicato al teatro per il giovane pubblico e soprattutto finestra di rilievo sul panorama internazionale, il festival ospita quest’anno, nell’ottica di dare risalto alle eccellenze del nostro Paese, anche compagnie teatrali italiane fra le più giovani e innovative.
Teatro del Piccione porterà in scena “Rosaspina” (in francese), in cui il grande classico dei fratelli Grimm rivive nella migliore tradizione del teatro d’attore per i bambini a partire dai 3 anni, e “A pancia in su”, spettacolo che racconta il modo immaginifico e creativo di incontrare la realtà e di vivere il quotidiano di un fratello e una sorella. “Compagni di banco” di Teatrodistinto, “L’inverno” di Compagnia Rodisio e “Un pezzettino d’inverno” di Nuvole in tasca racconteranno invece con tre diverse storie la potente esperienza dell’incontro con l’altro. Non mancheranno inoltre illustri artisti provenienti dai Paesi europei più all’avanguardia nel settore, come la compagnia francese Théâtre des TaRaBaTeS che proporrà “La brouille”, spettacolo per piccolissimi dai 18 mesi ai 3 anni che animato da dieci dita è capace di raccontare senza bisogno di parole l’immediatezza della vita. Il jazzista norvegese Terje Isungset, che ritorna a Segni d’infanzia dopo lo straordinario successo raccolto nella scorsa edizione, incanterà lo splendido Teatro Scientifico Bibiena di Mantova con il suggestivo concerto “La musica dei sogni” dedicato ai sogni dei bambini (e non solo!). La musica sarà protagonista, sempre nella cornice del Bibiena, anche in “I racconti di Mamma Oca”, omaggio al compositore Maurice Ravel dell’Orchestra da Camera di Mantova, e in “Carovana Musicale”, funambolico e travolgente concerto del Circo Diatonico che saprà trasmettere le ammalianti atmosfere del mondo circense. I musicisti del Circo Diatonico saranno anche gli illustri ospiti di “E per finire…”, appuntamento conclusivo di Segni d’infanzia che saluterà la sesta edizione del festival con una festosa danza collettiva in Piazza Castello, dove sarà allestito in collaborazione con il Parco del Mincio da giovedì 10 a domenica 13 novembre il suggestivo Bosco delle emozioni.
Segni d’infanzia 2011 vanta anche un progetto speciale ad hoc per gli adolescenti dai 12 ai 18 anni: “Comunicare le emozioni” in cui la fotografa catalana Cristina Nuñez li guiderà a indagare la loro immagine in modo non stereotipato per imparare a conoscersi lavorando sulla loro identità e sulle loro emozioni attraverso il linguaggio fotografico e il metodo dell’autoscatto da lei stessa elaborato.
“Guardare i sogni” coinvolgerà attraverso le installazioni di Lucio Diana ed Eleonora Diana i bambini in un percorso di contaminazione tra pittura, scultura, videoarte e musica mentre “La camera delle meraviglie”, ideata e creata da Dario Moretti, in scena al festival nella nuova produzione di Teatro all’improvviso “La natura dell’orso”, saprà affascinarli con i prodigiosi oggetti del collezionista.
I laboratori di Segni d’infanzia 2011 condurranno i bambini alla scoperta degli antri più segreti di Palazzo Ducale con “Tane amorose, tane studiose”, e delle Regge con le quali i Gonzaga hanno impreziosito il territorio mantovano in “Le regge della fantasia” e “La linea dell’arte nel tempo”. “abbRICCIamoci” offirà l’opportunità di imparare a trasformare l’argilla guidati da un Maestro ceramista e “Indovina l’arte… e riascoltala da parte!” sarà un viaggio alla scoperta dei mestieri e del linguaggio radiofonico, mentre i più grandicelli potranno cimentarsi con “Il GIOCOLAtorio” nella pratica dell’arte circense guidati da Claudio Cremonesi.
Non mancheranno inoltre l’ormai consueto appuntamento con l’aperitivo “Gustosi simposi” alla Loggia del Grano, i “Fuochi di musica” nelle piazze della città al crepuscolo e le “Favole della buona notte” nel suggestivo Palazzo dei Bambini, oltre a “Libri a teatro!”, un quotidiano viaggio dal mondo della letteratura al mondo del teatro.
Infine un importante spazio sarà riservato alla formazione con il convegno “Tra libro e teatro” e con gli appuntamenti “DI-SEGNI Salone d’artista” e “Cartoline” realizzati in collaborazione con Assitej Italia e dedicati agli operatori internazionali.

 

Fulcro tematico e grafico del festival sarà come di consueto l’animale simbolo che in questa sesta edizione è incarnato dal Riccio. Il Riccio ha aculei che lo proteggono da aggressori in carne e ossa ma anche da seri danni dovuti a urti o cadute. Animale tenero, curioso ed elegante, può anche essere imprevedibile, sospettoso, pronto a chiudersi per difendersi e ad aprirsi per accogliere. Gli aculei del Riccio di Segni d’infanzia intendono pungolare il senso del bello, risvegliare il piacere della fantasia, meravigliare ed emozionare, far sognare, stupire. Infine il Riccio, specie protetta dalle leggi italiane che pertanto non si può né cacciare, né tenere in cattività, potrebbe ergersi a simbolo della cultura che in questi momenti particolarmente difficili ha bisogno di essere difesa e tutelata.

 

.

mantova.

http://www.segnidinfanzia.org/

 

Informazioni:
Segni d’infanzia
Associazione artistica e culturale
Via L.C. Volta n. 9/11,  Mantova
Tel/Fax: 0376 1511955
segreteria@segnidinfanzia.org

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.