Groundunderthirty- Veevera su My name is Ernest – lungometraggio sulle orme di Hemingway in Veneto

foto di scena- Emilio Briguglio e Anita Kravos

,
.

Si tratta di un lungometraggio, girato l’anno scorso in Veneto e prodotto da Venice Film Production, di Padova, insieme con Running Tv International, anch’essa di Padova, come pure il regista, Emilio Briguglio, proveniente da un settore diversissimo da questo cinematografico, quello medico e chirurgico. Il cast ripete come per i precedenti nominati l’origine veneta o una provenienza da nordest, come a ribadire una volontà forse. Il trailer del film che riguarda storicamente il periodo trascorso in Veneto da Hemingway verrà presentato pubblicamente molto presto : il 6 di settembre, in occasione della 70° edizione della Mostra del Cinema di Venezia,  alle 11.30 nello spazio Regione del Veneto .
Va ricordato inoltre che la realizzazione del film è stata sostenuta dalla Treviso Film Commission e dal Consorzio di Promozione turistica Marca trevigiana, e finanziato parzialmente dal fondo per il cinema della Regione del Veneto,e  ha ottenuto altresì l’eleggibilità culturale dal MIBAC (Ministero per i Beni e le Attività Culturali).

.

 .

Con “My name is Ernest”  si voleva certamente mettere in evidenza il fatto che questa sua grande passione per il territorio veneto,abbia colpito intimamente lo scrittore e sia stato di ispirazione nella realizzazione di almeno due dei suoi capolavori: Addio alle armi e Al di là del fiume tra gli alberi.

Da quanto è dato sapere dalle presentazioni in rete, il film  si compone di una parte documentaristica ed una più dichiaratamente cinematografica, in cui la figura di Hemingway appare sempre di spalle, come nei quadri di Friedrich, e cerca di proporre lo sguardo dello scrittore in un’ottica diversa dal consueto, in maniera nuova, dando risalto non tanto alla vita disordinata e sregolata di Hemingway ma a quanto compone e segna il suo genio. Le immagini storiografiche legate alla ricerca documentata di quel periodo e alle testimonianze , sono provenienti dagli archivi dell’epoca, come sono originali le testimonianze di  coloro che gli furono vicino e sono state legate a quell’esperienza. Le ricostruzioni sceniche dei set cinematografici, mirano a dare con accuratezza allo spettatore la possibilità di ripercorrere le tappe di quel viaggio in cui lo scrittore ha vissuto con passione i momenti di guerra e gli amori che lo hanno legato più intimamente a questo paese.

I siti coinvolti per la realizzazione delle scene sono molti, piccoli e più grandi centri, palazzi storici o località in esterni che sono stati utilizzati per descrivere la vita dello scrittore nel corso della prima guerra mondiale, arrivato qui, in Italia e nella nostra regione, come volontario della Croce Rossa, e poi più tardi, nel secondo dopoguerra, in un periodo di vacanza, periodo di permanenza che diede la notorietà a località come Cortina d’Ampezzo, Caorle, e altre. I set interessati sono stati molti: Torre di Mosto, i Colli del Montello, Verona, Padova, Cortina, Caorle,come già detto, e ancora Schio, Chioggia, Abano Terme, Fossalta di Piave.

Cito di seguito i nomi degli interpreti ai quali si unisce il ruolo interpretato nel film. Sono: i padovani, Stefano Scandaletti, Premio Off 2011, che interpreta il Barone Franchetti, Eleonora Bolla, vista nell’ultima serie tv “Sposami”, che interpreta l’amore giovanile di Hemingway, Agnes Von Kuroswky, Carla Stella, Vasco Mirandola, Alessandro Bressanello, Marco La Ferla, Carlo D’Addio – lo zio del Toso in “Faccia D’Angelo”, tutti di Padova, Diego Pagotto di Conegliano, “il Doge” in “Faccia D’Angelo”, accanto a Germano, la veronese Giulia Cailotto.L’altro grande amore, incontrato in Veneto, la nobildonna Adriana Ivancich è interpretata dall’attrice friulana Anita Kravos, vista recentemente nell’ultimo film di Sorrentino “La Grande Bellezza”. Presenti anche Giorgio Careccia – Io non ho paura, Non ti muovere, Romanzo criminale, Vallanzasca – e Maximiliano Hernando Bruno, in tv con “Squadra Antimafia”. Adesso non manca che vederlo per intero!

.

Veevera

.

.

RIFERIMENTI IN RETE:

http://www.venicefilm.it/index.php/my-name-is-ernest.html

http://www.veniceonair.com/blog/2013/08/19/mostra-cinema-venezia-2013-my-name-is-ernest-lungometraggio-della-padovana-venice-film-production-il-6-settembre-spazio-regione-veneto/

http://www.ideapadova.it/rubriche/14-cinema/317-hemingway-e-il-suo-veneto.html

http://www.padovando.com/attualita/speciali/emilio-bruguglio-da-chirurgo-a-regista-sognando-hemingway/

http://nordestboulevard.it/2012/12/my-name-is-ernest/

http://tribunatreviso.gelocal.it/cronaca/2012/09/16/news/film-su-hemingway-nei-luoghi-di-guerra-il-set-e-a-nervesa-1.5700893

https://www.facebook.com/MyNameIsErnest

http://www.asterisconet.it/news.php?n=11931&pagina=home&s=0

4 Comments

  1. Scusate l’ora ma finisco tardi in palestra…e poi oggi è il mio compleanno e…GRAZIE A TUTTI e un grazie particolare a Nadia Agustoni che ha lasciato un segno graditissimo. Veevera….vado a cena

  2. …sto aspettando che sia pronto, così sbircio.Grazie per gli auguri carissima,ti abbraccio e brindo con te e tutti gli altri che sono passati o sono qui.
    Vee

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.