Sara Bauducco: A tu per tu con… Paola Mastrocola

La scuola deve essere cambiata per il bene dei ragazzi. “Non mi piace vivere sotto una cappa e fare la tartaruga. Lo trovo soffocante. Soprattutto una cappa così massiccia, stratificata da anni e anni di incrostazioni mentali collettive. Volevo provare a uscire, andare a guardare il sole, e così mi sono permessa di avere delle idee culturalmente scorrette”: è ciò che dice a gran voce nell’introduzione del suo ultimo libro Paola Mastrocola, insegnante di lettere in un liceo scientifico alle porte di Torino e scrittrice diventata famosa nel 1999 con il romanzo La gallina volante, incentrato sulla vita di una docente. Dopo diversi successi (tra cui Una barca nel bosco, La scuola raccontata al mio cane, E se covano i lupi), Mastrocola è tornata in libreria quest’anno con un libro che ha fatto subito discutere, Togliamo il disturbo, saggio sulla libertà di non studiare (edizioni Guanda). In modo diretto e talvolta con un gustoso tocco di ironia, Mastrocola spiega perché la scuola così come è ora non funziona, cosa si potrebbe fare per sanarla e aiutare gli studenti a trovare la propria strada.

Molti dei suoi libri gravitano attorno all’ambiente scolastico, ma come è nata l’ispirazione per questo che è a metà tra il racconto di vita ed il saggio?

Questo libro ha un’urgenza tutta sua: dovevo assolutamente dire queste cose perché vedo un mondo che non mi piace. E quando critichiamo il mondo è perché lo vogliamo cambiare. Non va bene questo scollamento tra chi lavora a scuola e chi la frequenta come utente: c’è un patto che è saltato con le famiglie, innanzitutto, e poi con i ragazzi. È come se insegnassimo ancora le basi della nostra cultura ma queste non interessassero più a nessuno. Penso che per la maggioranza degli alunni e delle famiglie non faccia differenza che io insegni letteratura, inglese o altro. Allora ci si ferma e ci si chiede a quale pro continuare. Al centro di tutto ciò ci sono il libro, la solitudine, la crescita mentale e della capacità logica che è saltata nelle nuove generazioni, non per colpa loro ma perché noi adulti abbiamo deciso che non era più il caso di educare la loro mente a una forma logico-razionale.

“Togliamo il disturbo”. Perché questo titolo?

Volevo intanto dire che la scuola e lo studio sono percepiti come un disturbo, allora se è così togliamo il disturbo. E’ una grande provocazione: qualcuno si è arrabbiato e ci è caduto come una pera, ma per fortuna qualcuno l’ha capito. C’è stato un grande consenso su questo libro. Io da un libro mi aspetto che faccia partire una rivoluzione. Ma la rivoluzione sulla scuola non c’è stata e non ci sarà mai. La scuola continua ad andare avanti perché discutiamo sulle griglie di valutazione e aspettiamo, come fossero il sogno, le lavagne interattive e quindi abbiamo capito tutto.

Il libro è suddiviso in tre parti, le prime due sono propedeutiche all’ultima in cui propone un modello di scuola innovativo. Quale messaggio vuole lanciare con Togliamo il disturbo?

L’ultima parte è propositiva, utopica. Io farei saltare tutto della scuola come è oggi e ricomincerei tutto da capo. Fare tre scuole diverse: una per chi vuole studiare in modo astratto materie come algebra, letteratura o filosofia; poi una scuola per chi vuole mettersi in gioco sul piano manuale, creativo e concreto: aprirei allora scuole di fabbri o maestri d’ascia, di lavoro tra l’artistico e l’artigianato. In mezzo metterei una scuola mediana per chi vuole frequentare una scuola tipo il turistico o l’alberghiero. L’importante è che il ragazzo trovi la sua vocazione, la cosa per cui è nato. Volevo reagire contro questo intasamento dei licei che sono diventati la scuola di massa e non funzionano. Abbiamo i due terzi di una classe che non ha voglia di aprire un libro. Non è che io voglio mandare tutti a lavorare, darei anche delle lauree in falegnameria. Vorrei che i ragazzi studino quello che sentono. Il mio sogno sarebbe un falegname che legga Kant.

Difficoltà nello scrivere il libro e ne ha dialogato con gli studenti?

Sì, ne parlo sempre con i miei studenti. Tutto ciò che scrivo è reso chiaro e manifesto a loro. La cosa sconvolgente è che sono d’accordo con me anche sul fatto che chi va a scuola dovrebbe aver scelto di studiare; invece siamo di fronte al paradosso che sia a casa sia a scuola permettiamo di non studiare: si permette di portare avanti tutti perché la scuola è di massa e la massa vuole che tutti arrivino, ma se non vi è alcun luogo in cui arrivare stiamo ingannando la massa, portando tutti come fa il pifferaio di Hamelin. Ecco questa è una buona immagine che però non ho usato nel libro. Scrivere mi è venuto di getto, ma il lavoro è durato un anno: l’idea era irruente ma lo schema è stato ragionato.

Può essere un libro per ragazzi? 

Io non avevo pensato che il libro potesse essere per i ragazzi. E’ stato pensato per i vecchi della mia generazione anni ’50 e ’60 ma mi dicono che lo leggono anche i ragazzi. E’ un libro scritto per salvare i ragazzi, ma la volontà devono mettercela loro perché gli adulti della mia età non sono affidabili.

Un suo libro molto amato è Che animale sei, una favola in chiave semplice e moderna per grandi e piccoli che tratta diverse tematiche dall’affettività all’indipendenza. Tutti i suoi libri hanno un filo conduttore, è presente anche in questo?

A me interessa molto la fase educativa dell’individuo: come ognuno di noi riesce a capire chi è. Già questo è un romanzo meraviglioso. Mi piace l’idea che un giovane si dedichi a questo guardarsi e inizi a interpretare i segni del destino, ci fa capire se siamo sulla via giusta o sbagliata. Sì, in tutti i miei libri c’è un po’ l’idea del perdersi e del trovarsi. Io non copio mai cosa vedo, ma reinvento tutto altrimenti non mi piace, non si inventa dal nulla piuttosto da quello che si vede.

Come è il rapporto di Mastrocola con i libri, quali generi preferisce e quali libri ha sul comodino in questo momento?

Il rapporto è cambiato nel tempo: da giovane leggevo molto e un libro per volta; la vita cambia, siamo più dispersivi e abbiamo meno tempo quindi ora leggo più libri insieme e molti non li finisco, lo ammetto. E’ una lettura che non mi soddisfa, ma da sempre i miei libri preferiti sono quelli di poesia che ormai non sono quasi più letti. Bisogna dirlo ai giovani che esistono i libri di poesia!

Prova sconforto di fronte a queste lacune dei ragazzi e ad un sistema malato?

Direi piuttosto che provo un’allegra rassegnazione, perché io sono un tipo allegro, e la voglia di buttare giù tutto a parole; poi, è ovvio che i processi della realtà sono lenti e secondo me si va a contagio con il passaparola, la condivisione e il diffondersi delle idee e dell’entusiasmo .

Cosa c’è ora nei suoi progetti?

Devo fare un altro romanzo, basta con i libri di scuola e i saggi. Devo tornare a un romanzo, ho un’idea ma deve maturare ancora un po’.

Come è stato il suo rapporto con l’editoria agli inizi della carriera di scrittrice e come si è evoluto?

Ho scritto La Gallina volante e l’ho mandata a otto editori che non l’hanno voluta. Dopo 3 anni ero davvero disperata, l’ho mandata con uno pseudonimo al premio per l’inedito Italo Calvino e l’ho vinto nel ’99: penso di averlo vinto forse proprio perché ho rinunciato a essere io. Quindi ho trovato l’editore ed è proseguito tutto bene.

C’è un libro che non è stato ancora scritto e vorrebbe fosse opera sua?

Questa domanda è alla base di tutta la nostra vita: qual è l’unico libro che valga la pena scrivere? Non lo sapremo mai.

Lei è insegnante di italiano, quale parola della nostra lingua salverebbe?

Timidezza. Non la usa più nessuno. Ci sono persone timide ma non le apprezziamo e quindi loro si nascondo perché non vogliono essere timide.

Ringraziamo Paola Mastrocola per la piacevole chiacchierata, certi che continuerà a coinvolgere con entusiasmo i suoi studenti e a proporre al pubblico buone letture.

RIFERIMENTO IN RETE:

http://www.gliamantideilibri.it/archives/2940

PER APRIRE UNA DISCUSSIONE VEDASI ANCHE:

http://www.nonsprecare.it/news/sprechi_ocse_boccia_scuola_italiana.html

11 Comments

  1. Grazie per aver ripreso questa intervista. E’ stato un piacere farla, davvero una bella chiacchierata: Paola Mastrocola è innamorata della scrittura e della sua professione di insegnante e tutto ciò traspare dalle sue parole. E la scuola ha di sicuro bisogno di insegnanti appassionati.

    1. Grazie, da insegnante che sta nella scuola ormai da così tanti anni e che vorrebbe uscirne per far assaggiare anche ai giovani cosa significhi trovare vie diverse da quelle sperimentate fino ad oggi, perché l’importante non è mettersi in viaggio, ci siamo già,tutti, sempre, ma scoprire cosa vedono e riflettono i nostri occhi nel paesaggio interiore che ognuno è in sé e renderlo disponibile agli altri.Grazie per l’intervista che in parte condivido per altre parti discuterei.fernanda f.

  2. Credo che sarebbe un’ottima cosa se l’autrice consentisse un film su “LA BARCA NEL BOSCO” visto che i ragazzi leggono molto poco al fine di far arrivare il messaggio anche a loro che sono i diretti interessati. Magari qualcuno di loro recupera certe facoltà intellettuali…

    1. Perché invece non farglielo leggere chiedendo a loro di costruire un video sulla storia? Con musiche, filmati,fotografie,… riprese da loro e poi ricostruite in un video. I ragazzi sanno farle queste cose, sono i temi che non hanno.Basta cominciare e basta dare loro delle motivazioni, magari partecipare ad un concorso per ragazzi dove richiedono la produzione di un cortometreggio o di una animazione,le rivisitazioni possono essere tante. All’inizio sarà magari non buona ma è il percorso che viene fatto che conta, e produrre un video significa entrare dentro la materia del testo,farlo proprio,fernanda f.

  3. P.S. anche io, come ferni, insegnando da una vita e amando moltissimo questa professione unica (cosa che invece pare la Mastrocola non faccia poi così tanto) concordo con l’autrice su certe esigenze. Moltissimo andrebbe cambiato. Ma non tutto buttato al vento. Non c’è nulla da fare; i ragazzi sentono benissimo se quello che si fa, si fa con passione e amore e ti rendono quello che dai. Non c’è geometria più perfetta di questa.

  4. Secondo me non si possono fare supposizioni su cosa ama o non ama una persona ( li trovo anche di cattivo gusto), facciamo piuttosto commenti costruttivi. Ce n’è così tanto bisogno!

  5. Grazie Fernanda per il tuo commento. Trovo molto valida la tua idea. In effetti sarebbe davvero un’ottima cosa coinvolgerli a tal punto e credo anch’io nel risultato. L’importante è che qualcuno possa occuparsene altrimenti rimane solo un’idea, una solita chiacchiera seppur interssante.
    A chi proporla?

  6. non so in che tipo di scuola tu lavori, in ogni caso potresti coinvolgere non più di due o tre altri colleghi. (non organizzate le UFA? inità formative di apprendimento? quelle per la certificazione europea delle competenze? In ogni caso la interdisciplinarietà aiuta anche a far capire la collaborazione, non la competizione, anche agli insegnanti, non solo agli allievi) Lettere, storia , informatica, disegno e storia dell’arte…progettazione…Ripeto non so in quale scuola tu lavori, dovresti esaminare le potenzialità delle discipline da coinvolgere e poi farli lavorare in gruppi dando delle direttive sull’analisi: i luoghi, il tempo,i caratteri, i colori, le ambientazioni in interni, relazioni con gli esterni, richiami storici…e contemporaneamente mostrare qualche lavoro già fatto in video, per argomenti simili, o al cinema, per avere qualche idea di montaggio. Spero d’esserti stata utile. In ogni caso il tempo sarebbe misurato solo in caso di partecipazione ad un concorso, altrimenti può essere un nodo da elaborare durante l’anno scolastico. ferni

  7. Mi dispiace molto e mi scuso per non essermi presentata prima, ma non ci ho proprio pensato! Io lavoro in un Comprensivo ma sono solo una collaboratrice scolastica a cui piace la scuola e nei limiti del possibile, quindi senza certo presunzione di invadenza, collaboro davvero con le maestre e ciò rende interssante anche il mio lavoro.

  8. sapere dove si agisce è importante, non avrei certo proposto quanto ho scritto se avessi immaginato che si trattava di scuole inferiori. In ogni caso alle medie può ancora essere fatto, i ragazzi oggi hanno familiarità con gli apparecchi. Si può pensare al coinvolgimento di lettere, scienze e ed.artisca( si chiama ancora così?) individuando un percorso interiore, uno che parla dell’habitat e l’ultima che rielabora tutto ad arte, andando a pescare dalle doti degli allievi,dai loro talenti personali,attuando una fioritura della selva per cui ci si ritrova attraverso il cammino , soprattutto se fatto insieme. ferni
    PS: potreste anche chiedere la collaborazione di una scuola superiore d’arte (istituto o liceo artistico,noi lo facciamo attraverso i laboartori che abbiamo e in forza dei quali abbiamo aperto anche la sez. di scenografia.Questo il link del blog della scuola: http://elichenuove.wordpress.com)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.