Protagonista il dolore? Il mistero di Antonio De Petro- di Paola Leoni

Roberto Ferri

Lo scopo di questo saggio è duplice: da una parte, far conoscere un autore italiano degli anni ’80 che firmava le sue opere con lo pseudonimo di Antonio De Petro e dall’altra cercare di vedere se è possibile, col materiale che abbiamo a disposizione, rispondere alla domanda: chi era veramente Antonio De Petro? Sono passati quasi trent’anni dal “caso letterario De Petro” e sono varie le ragioni che mi hanno spinto a rispolverare questo strano ed enigmatico autore. Prima ragione fra tutte: l’entusiasmo suscitato tra gli studenti che hanno letto l’opera di questo autore e il loro interesse per redigere tesi sul tema. Ho sempre considerato che i piú autentici critici letterari sono i giovani, che hanno la freschezza dell’intuizione, la libertà di giudizio e soprattutto domandano alla letteratura quello che la letteratura può dare: cioè indicazioni per costruire i sogni del loro futuro. Seconda ragione è che De Petro viene definito, dalla casa editrice che lo pubblicò, “una nuova provocazione per l’Europa letteraria” e in realtà, quando uno sfoglia una o due pagine di De Petro, si ritrova poi a leggerne tutti e cinque i romanzi, e anche se magari alla fine dice: “Non mi piace”, non riesce a dimenticarlo. Siamo quindi senza dubbio di fronte a uno scrittore affascinante, provocatorio, inusuale, a uno scrittore che vale la pena conoscere.
Terza ragione è che qualcuno, recentemente, mi ha detto che pensava che De Petro fossi io e realmente questo mi onora ma non è la verità. Io non sono Antonio De Petro e, a questo proposito, voglio sciogliere ogni dubbio: non voglio infatti correre il rischio anche involontario di fare come fece Salieri con Mozart che –a detta di Puskin– tentò di accreditarsi il merito del Requiem. Io sono stata solo, per così dire, uno strumento del destino, che ha avuto la bizzarria di farmi arrivare i dattiloscritti dei cinque romanzi di Antonio De Petro quando, ancora giovanissima, imparavo da Giovanni Riva a dirigere una casa editrice. Eravamo, come spiegherò anche più avanti, in due o tre a lavorare in una nuova casa editrice, Città Armoniosa. Con pochi soldi e, bisogna riconoscerlo, con molto coraggio. Io facevo un po’ di tutto, come del resto succedeva agli altri del nostro gruppo: correggere le bozze, redigere contratti, leggere per la scelta dei testi da pubblicare, tradurre gli autori stranieri, curare gli archivi, acquistare e pagare i diritti d’autore, fare le pulizie, viaggiare per stare in contatto con gli scrittori e con i critici o per partecipare alle varie fiere dei libri in giro per il mondo (Francoforte, Los Àngeles, New York o la molto più vicina Bologna), o per essere presenti ai premi letterari e agli appuntamenti culturali. Un lavoro notevole! E fra gli scrittori che telefonavano alle cinque del mattino per una crisi artistica, le tipografie che volevano essere pagate, i critici che volevano essere venerati, i giornalisti che erano tutti un po’ prime donne, quel fare nascosto di Antonio De Petro che solo si lasciava conoscere dai suoi scritti (come ho detto, provocatori e inusuali) era una sorta di rugiada e una specie di ferita, era un imprevisto. Infatti, ogni sua pagina interrogava ben più in là di di quanto non facesso altri autori, che pure amavo.
Per entrare in tema, possiamo dire che di una cosa siamo certi: i romanzi di De Petro che si conoscono sono stati tutti pubblicati da una sola casa editrice: Città Armoniosa. E, dalla quarta di copertina del Dies irae (il primo dei romanzi da lui pubblicati con Città Armoniosa), veniamo informati che, nel 1981, Antonio De Petro era un giornalista milanese di circa 40 anni. In seguito, nel febbraio del 1982, quando Città Armoniosa pubblica Fuor della vita è il termine, il tono della quarta di copertina è lapidario e curioso. Leggiamo: “Antonio de Petro ha dato a Città Armoniosa questa sua terza opera dicendo che, se volevamo publicarla, non dovevamo insistere nel fare domande sulla sua identità. Egli, infatti, intende mantenere separate le opere che offre a Città Armoniosa dalle opere che pubblica con altri editori e dalle attività non letterarie (per lui importantissime) che svolge.” E di fatto, nei quasi due anni che vanno dal marzo ’81 al dicembre ’82, era scoppiato “il caso De Petro”, non fra il grande pubblico (anche se aveva i suoi appassionati lettori), ma dentro il ristretto numero dei critici letterari che giravano attorno al Premio Campiello, all’Istituto di italianistica di alcune importanti università italiane (Torino e Urbino in modo particolare) e fra i recensori di quotidiani e riviste di tutta la penisola. Infatti, in due anni, erano usciti ben quattro romanzi di De Petro: Dies irae, Il questore, Fuor della vita è il termine e L’imbroglio. Ma nessuno sapeva chi fosse Antonio De Petro: sarà bello o brutto, simpatico o antipatico, sposato o scapolo? In che giornale lavorerà? Sarà un giornalista della RAI? Cosí si chiedevano i nostri critici letterati e mormoravano: “Sarà Giovanni Arpino? Sarà Giancarlo Vigorelli? Sarà Toni Cibotto? Sarà Carlo Bo? Sarà Giorgio Bàrberi Squarotti (l’unico fra tutti che diceva che De Petro non gli piaceva)? Sarà il fratello di Gadda, se mai Gadda ha avuto un fratello? Sarà un cugino di Pizzuto, se Pizzuto ebbe un cugino? Potrebbe essere Giordano Bruno, se non l’avessero bruciato secoli fa… E cosí via. Perché il mondo dei critici letterari parlava cosí a quel tempo… Per la casa editrice era davvero divertente, ma anche un po’problematico: si avevano dei sospetti, ma non si era realmente certi su chi fosse. E bisognava tenerli buoni i critici, soddisfare almeno un poco la curiosità di coloro che avevano tra le mani le sorti della narrativa italiana. Poi, a un certo punto, non arrivò piú nulla da De Petro. Passarono 7 anni di silenzio e, nell’89, ecco riappare un dattiloscritto: si pubblicò nel ’90, col titolo di Giovanni, e con un’introduzione di Gigi Testaferrata, che appunto di nuovo si dedicò a cercare di sviscerare il mistero di Antonio De Petro, ma non vi riuscí. È però necesario fare un passo indietro, per cercare di ricostruire una storia di cui ci restano solo tracce, una storia di trent’anni fa di cui ancora potremmo avere alcune testimonianze orali, se qualcuno volesse dedicarvi tempo, e che sarebbe bene non perdere. Come i suoi romanzi, tutti un po’polizieschi, per ora dobbiamo cercare di indagare un poco, per sapere qualcosa di De Petro, limitandoci al materiale che ci troviamo tra le mani qui a Città del Messico e nel nostro ricordo. E dobbiamo cominciare dall’inzio. A Reggio Emilia, presso la casella postale 291 e con numero di telefono 38788, c’era una casa editrice di nome Città Armoniosa. Non c’è piú, adesso. Non pubblica piú da 18 anni. Ma è stata un centro di lavoro culturale importante, originale e direi unico nel panorama della letteratura italiana di quegli anni, e sarebbe un buon tema per una tesi di laurea. A Città Armoniosa vale la pena dedicare qualche minuto, perché può essere utile, per capire l’animo di De Petro, conoscere a chi ha voluto affidare le sue novelle.
A iniziare la casa editrice Città Armoniosa, nel 1976, era stato Giovanni Riva,
un professore di filosofia che era anche un poeta/saggista, finalista per due volte al Premio Viareggio (uno per la poesia e uno per la saggistica). Riva, di 34 anni, affittata una stanzetta in via Migliorati 3 a Reggio Emilia, decide di usare i pochi risparmi per iniziare un’attività editoriale, publicando, come prima opera, una sua raccolta di poesie per bambini, Dodici come i mesi, dedicandola ai suoi figli e a due scuole per l’infanzia della città. In quegli anni, pieni di tensioni politiche e sociali (erano gli anni in cui in Italia le Brigate Rosse –nate a Reggio Emilia– avevano smosso tutto il paese, provocando un terremoto di coscienza ma anche risvegliando inquietanti contraddizioni e tristissimmi ricordi di ferite mai curate), in questi anni tanto tesi e difficili, Riva comincia una casa editrice non con un’opera politicamente impegnata, ma con un libro di poesie e per bambini: fu senza dubbio un’impresa coraggiosa. E lo fece in una città di provincia come Reggio Emilia, la Mosca italiana, dove da vent’anni non si vedevano altro che balletti russi e mostre di pittrici cecoslovacche, dove, nelle librerie, sovvenzionate dal partito al potere nella città, si vendeva solo la saggistica degli Editori Riuniti e dove, nei giardini di infanzia, ci si vantava di educare i bambini alla novità dell’ateismo. Ecco, in questo contesto, unico forse in Italia e sicuramente molto sui generis, la casa editrice di Riva era una pianticella non prevista, un fuori luogo, un’operazione che si potrebbe definire straniera o barbara. In piú, in una di quelle poesie di quel primo libretto, appariva anche la parola “Gesú” che, insomma, per dirla in breve, non era molto di moda in città, dove don Camillo aveva divorziato da don Peppone, al quale erano rimasti come oppositori una serie di personaggi sostanzialmente grigio/neri, molto conservatori e, dobbiamo dirlo, silenziosi e incolti. Il nome della casa editrice, Città Armoniosa, era preso da Charles Péguy, il socialista cristiano, morto nella battaglia della Marna, che aveva dato alla Francia, oltre alla sua vita, un notevole saggio di intelligente pensiero e di alta poesia nei suoi Les Cahiers de la Quinzaine. Anche il nome della casa editrice era dunque coraggioso, perché metteva in guardia dal qualunquismo, prospettando un’utopia –la città armoniosa– in un contesto sociale che al fondo covava violenza e l’armonia era lettera morta. Il motto della casa editrice è tutto un programma: “Carmina non dant panem”, che era un po’uno schiaffo morale all’editoria che stava scivolando verso i puri e semplici affari, publicando romanzi spesso mal scritti, con operazioni commerciali svincolate da un’effettiva ricerca letteraria e artistica. E il simbolo di Città Armoniosa era una colomba in viaggio, presto famosa, che era anch’essa l’espressione di un desiderio: volare lontano, ma farlo con bellezza e senza pretese, con garruli canti, sapendo che si ritornerà, ché sempre si deve ritornare, quando giunge l’ora. Molti, cosí, per tutte queste ragioni, augurarono di buon cuore insuccesso alla casa editrice Città Armoniosa. I piú pensavano che sarebbe stata come l’erba del campo di evangelica memoria, che nasce al mattino e alla sera è già secca. Ma non fu cosí. Quattro anni dopo, nell’80, Città Armoniosa era nella cinquina del Campiello, con Luciano Marigo; e poi, poco dopo, riusciva a vincere, grazie ai suoi autori –tutte nuove scoperte–, i piú importante premi letterari, tra cui il Premio Viareggio opera prima, togliendo il posto a case editrici molto potenti. E in realtà, tra gli addetti ai lavori, non si parlava che degli “armoniosi”, come venivano definiti i due o tre collaboratori di Riva, ai quali erano aperte le porte anche piú notoriamente blindate. Cosa sommamente sorpresiva, se pensiamo che Città Armoniosa era davvero svincolata da qualsiasi gruppo di potere, fosse esso politico, culturale, economico o religioso.
Se sfogliamo l’unico catalogo esistente della casa editrice, un catalogo del 1980, nel quale ancora non appare il nome di De Petro, vediamo che la casa editrice aveva già al suo attivo 16 collane con 96 autori (tra i quali ne cito solo alcuni, per dare l’idea del tipo di catalogo: Bloy, Turoldo, Descalzo, Daisne, Gozzano, Gratry, Francis Jammes, Lagerkvist, Lacordaire, De Lubac, Raimondo Lullo, Nievo, Ramuz, Santucci, Schneider, Neera), e –nota interessante– in questo stesso catalogo si dichiara che Riva ha ceduto la casa editrice a Novastampa, una tipografía piccolissima, con sede in via Cecati a Reggio Emilia, per non portare da solo il peso dei debiti accumulati in sei anni di onesto lavoro culturale. Oltre a riscoprire vecchi, notevoli testi di letteratura dimenticata, Città Armoniosa proponeva il nuovo. Arrivavano opere inedite italiane e opere edite da ogni parte del mondo (da Gallimard, Grasset, L’Âge d’Homme, Hachette, Herder, eccetera). Le agenzie letterarie avevano incontrato uno spazio in cui i libri venivano letti, in russo, in francese, in italiano, in spagnolo, in inglese, in rumeno, in arabo, in ebreo e in greco… per essere poi tradotte e pubblicate: la piccola casella postale 291 (alla quale se ne era aggiunta una nuova, la 243), era diventata un mitico punto di incontro, e le poste reggiane, che non sono molto grandi, videro notevolmente aumentato il loro lavoro e a volte se ne lamentavano. E un giorno arrivò anche il dattiloscritto del Dies irae. Io ricevetti il dattiloscritto dalle mani dell’editore e lo lessi nel tragitto in macchina da Reggio Emilia a Cortina. Non scesi nemmeno all’autogrill per un caffè, perché una pagina divorava l’altra e insomma chi legge sa che cosa significa trovare qualcosa che ti interessa davvero. Il romanzo venne pubblicato in pochi mesi. Si era soliti, a quel tempo, pubblicare un 200-300 copie di primissima edizione: erano le copie riservate ai critici e ai giornalisti. Il Dies irae aveva una copertina rossa e alla prima occasione in cui Giovanni Arpino ci invitò a giocare a poker (che era una sua passione, assieme al calcio), gli demmo la copia del romanzo. Passa non molto tempo ed esce una sua entusiasta recensione su Il Giornale. Segue quella di Paolo Volponi. E da lí, l’Eco della Stampa, che era un servizio di raccolta di articoli pubblicati, mandò una notevole rassegna sul primo romanzo di De Petro: bisognerebbe cercare tra gli archivi della casa editrice per farsene un’idea. Tutti volevano parlare di questo romanzo. Si diceva che era nato un grande scrittore, un nuovo Gadda, un nuovo Pasolini, un Brecht italiano, un vero romanziere-antiromanzo. Il Dies irae vince il Premio Castiglioncello. Siamo nell’81. Serata estiva, lungo il Tirreno. Noi tutti si aspettava l’arrivo di De Petro per ritirare il premio. Il mistero si sarebbe dunque svelato? Di fatto, venne un giovane, sui 30 anni, alto, muscoloso, dai capella biondi e l’accento modenese. Intascò il premio, rilasciò interviste, cenò con noi, sapemmo che era medico. Questo era un giovane molto brillante, ma di cultura non aveva che il desiderio di averne: gli mancavano chilometri di conoscenza. Non poteva essere De Petro. Intanto, arrivavano alla casa editrice costantemente richieste di interviste. De Petro accettò di farsi intervistare da Carlo Cremona per il GR2. Sorpresa! All’intervista si presentò un uomo di una quarantina d’anni, senza accento, magro e delicato, l’opposto del De Petro che si era presentato a ritirare il Premio Castiglioncello. Questi, disposto a farsi intervistare per la radio, era un uomo colto, elegante, timido e un po’riservato, nervoso. Sí, pensai, può essere lui De Petro… Ma, ogni volta, veniva un personaggio diverso a presentarsi come De Petro. E cosí, a poco a poco, i critici cominciarono a sentirsi un po’ beffati. E sappiamo che cosa significa attirarsi il fastidio dei critici, che sono troppo spesso curiosi di cose che con la letteratura niente hanno a che vedere.

Roberto Ferri

Ed è anche per fare giustizia a questo autore, quindi, che oggi, dopo 30 anni di suo silenzio, io vorrei parlare dei suoi romanzi, che sono, dunque, cinque. E vorrei cominciare dall’ultimo pubblicato, che ha per titolo Giovanni. Sono 170 pagine il cui primo protagonista –forse senza che l’autore ne sia cosciente– è il dolore. Non intendo con questo dire che sia un romanzo “dolorifico”: al contrario, se cosí fosse, non potrebbe essere un romanzo scritto da Antonio De Petro, che non è autore crepuscolare, e comunque non scade mai nel sentimentalismo o nel vittimismo. Solo ci si accorge e, anche senza avere un orecchio particolarmente attento, si sente che il dolore deve essere stato l’unico compagno di strada dello scrittore mentre scriveva queste pagine. Qualcosa di molto duro, difficile, scomodo o incomprensibile doveva aver raggiunto la vita di De Petro che, in questo romanzo, a differenza di tutti gli altri suoi romanzi, qui non ci dà nemmeno un rigo che possa essere letto con un sorriso sulle labbra o con un profondo sospiro di sollievo. Quale sia stato questo evento, finchè l’autore non rivelerà la sua identità o un ricercatore serio non la dimostrerà, non lo sapremo mai. Però questo dolore, che ha preso possesso dell’essere del narratore, che è diventato suo fedele compagno di strada, ci obbliga a leggere le pagine di Giovanni con un atteggiamento direi di sacralità, di umile, silenzioso, discreto ascolto degli eventi. Come aveva saputo farlo Pavese con le Langhe piemontesi, Verga con la sua Sicilia, Cézanne con la sua Provenza, De Petro reinventa, in Giovanni, le dolci colline dell’appenino emiliano. Più in là di quella dolcezza naturale che conosce chiunque le abbia visitate, De Petro riesce a scoprirne la dura scorza, il silenzio, l’opacità delle case e il sepeggiante grigiore di viottoli che si aprono sull’abisso. Col lento avvicendarsi di stagioni, di mesi, di neve e di qualche sparuto verdeggiare, con le taverne dove vanno i ricchi e dentro le stalle dove si forma la coscienza dei poveri, De Petro ci parla da una terra che nasconde una fortissima volontà di andar ben oltre la sopravvivenza, una terra che è simbolo della vita stessa. Le colline si fanno montagna: lente a crescere e sagge, esse custodiscono il passare del tempo, senza eccessi e senza rassegnazione, laboriose e attente, quasi in sacra attesa del compiersi di una promessa. È là, in quella terra miticamente generata, che Giovanni, mandato soldato, vuole tornare. È là che Angela, custodita in un convento, vuole tornare. È là che Filomena ed Elisabetta muoiono. Ma non è una terra promessa: è una terra dove una ragazza viene violentata in un pomeriggio di festa, e dove un sacerdote si suicida. E al di là di quelle montagne c`è la grande storia: ci sono Bava Beccaris, Crispi e poi la marcia su Roma; ci sono gli anarchici e i comunisti; c’è la regina madre che non può far nulla (“o non vuole?” si domanda Giovanni) per salvare dei giovani soldati inviati a Milano a essere uccisi o a uccidere altri uomini che chiedono solo del pane. Giovanni sa che in quei monti esiste la “straordinaria intelligenza delle piccole cose”. Giovanni (come leggiamo nella quarta di copertina dell’unica edizione del romanzo) non è chiamato a grandi scelte, ma è un uomo abile nello svelare le verità nascoste dentro il quotidiano. E questa definizione è perfetta per definire De Petro: “uomo abile nello svelare le verità nascoste dentro il quotidiano”. Oltre alla madre, tre donne saranno parte viva della vita di Giovanni: sono Angela, Elisabetta e Giuseppina, figure d’ombra, appena abbozzate nei colori dell’alba e che hanno il dono di non essere soffocate dal dramma dell’esistenza. Insieme a Giovanni, queste tre donne “vivono in un contesto che cambia rapidamente, ma restano legate ai loro monti, che via via si spopolano, per conservare un diritto alla libertà e all’essere autentiche, mentre la civiltà si adegua agli avvenimenti o li subisce”.
De Petro è magistrale nel creare le sue figure di donna: le figure femminili dei suoi romanzi sono –quasi a smentire Claudel– promesse mantenute. Hanno la forza delle montagne in cui vivono, hanno la capacità di una perseveranza non testarda, hanno quello spirito vitale che sa porre fine agli arzigogoli, e hanno anche quel realismo di chi è abituato a non cedere ai pregiudizi. Né ingenue né corrotte, le donne dei romanzi di De Petro sono –sia perdonata l’intertestualità– rime petrose, con tutta la carica di simbologia che la pietra ha nella poesia e nella letteratura. Ma, dal romanzo Giovanni, passiamo a Dies irae, il primo dei romanzi di De Petro. Anche qui, abbiamo un personaggio maschile che fa da filo conduttore e che si chiama Vanni, che è notoriamente un diminutivo di Giovanni. La grande storia anche qui è crudele verso gli uomini: la strage di Bologna, avvenuta il 2 agosto del 1980, è l’evento che cambierà tutto nella microstoria dei pochi personaggi del romanzo, che poi romanzo non è: di fatto, è un antiromanzo. Silvia, fidanzata probabile di Vanni, perderà, nella strage di Bologna, sua madre e, con questa perdita, tornerà a riflettere su tutta la sua vita, fino a prendere quella fatale decisione che farà interrogare tutti coloro che l’hanno conosciuta. Il linguaggio di de Petro –che passa dal latino all’italiano, dal monologo interiore ai serrati dialoghi cinematografici, dal diario al racconto– fanno di quest’opera prima una vera novità e sinceramente costituisce un grande piacere leggerlo. Hitchcoch e le sue bionde, Puskin e La figlia del capitano, la morte e la vita entrano a ruota libera nel romanzo, che è come un fuoco d’artificio, che è come i Canti orfici di Dino Campana, un quadro successivo all’altro, fino quasi a toglierci il fiato, per poi ridarcelo, a differenza di Campana, con qualche pagina di quiete. Il “Diario” di Silvia è una di queste pagine più quiete, e ci rimanda a La fine dell’avventura di Graham Greene. Il tono iconoclasta, quasi spregiudicato di De Petro –che si vede uomo non ancora acutamente provato, che si interroga senza paura e con ingenua speranza di risposta sul perché degli eventi– a volte diventa di un lirismo sconcertante e ci dà figure indimenticabili come quella di Betty, che si alza ogni mattina nel suo quotidiano ordinario e di poco conto ma che in realtà è altissima arte del vivere. Abbiamo un sacerdote giovane che pensa di convertire i ragazzi invitandoli a giocare a calcio e abbiamo un sacerdote già anziano che sa che questo non porterà a nulla. Sentiamo l’impronta di Giuseppe Berto nel descriverci la figura un p’ meschina di un fratello che è preoccupato del costo del funerale di sua sorella. Ma c’è anche Chiara, che invece è forte e solida e sa accettare che esistono più cose, nel cielo e sulla terra, come direbbe Shakespeare, di quelle che possono stare nella mente di un uomo anche di genio. Libro bellissimo, Dies irae è fresco e profondo, ci fa desiderosi di tornare a imparare come porci delle domande, invece di subire gli eventi e invece di porre sempre, per pura curiosità o per dire qualcosa, domande superflue o retoriche. Passiamo a L’imbroglio, che è la storia di uno dei dieci lebbrosi guariti da Gesú. Gesú gli ha ridato la salute, ma gli ha tolto Maria. Qualcosa non funziona in quanto è successo a Simone, il protagonista. L’imbroglio è un libro breve, scritto con molta calma, con molta arte didascalica, utilissimo perché, chi ne avesse, possa perdere molti pregiudizi sulla figura di Cristo e, per chi non ne sapesse nulla, possa imparare a conoscerlo un po’ meglio. Stefano Jacomuzzi parlò a lungo di questo romanzo, per la sua semplicità e chiarezza, e lo considerò una parabola molto vera sul nostro tempo. La figura di Simone il lebbroso, che viene guarito ma perde, per mano di quello stesso uomo che lo ha sanato, la donna amata, può dirci qualcosa della vita di De Petro? De Petro e Simone sembrano molto identificati: non riusciamo a vedere una distinzione tra l’autore e il suo personaggio durante tutto il racconto: solo nell’ultimo capitolo, De Petro prende le distanze dal suo prediletto Simone, per concentrarsi su Maria, che, come la Nora di Ibsen, affronta l’avventura di seguire il totalmente nuovo.
Altra opera di De Petro è Il questore, che ha per sottotitolo: L’evidenza e la ragione. È di fatto un’opera di teatro, anche se è scritta come un romanzo. C’è unità di luogo edi tempo, e i personaggi sono pochi e sono appunto “maschere”, piú che persone, quasi a invitarci ad allontanarci da loro, per tornare ad essere uomini e donne autentici. È una storia poliziesca che ammicca a Giordano Bruno con una grinta degna di Brecht, ed è carica di quell’umorismo tipicamente di De Petro, che ricorda Fred Buscaglione, Iannacci e, sotto una finta ars comica, castigat mores. In realtà, De Petro non è mai un moralista: non ci dice che cosa dovremmo fare o non fare. E il suo castigat mores è solo una freccia che arriva all’ontologia dell’uomo, non ai suoi mores o costumi che dir si voglia. Il coro, che è presente nell’opera attraverso una serie di poesie, invita a chiederci chi è veramente ciascuno di noi, non l’uomo generico o in generale, per cercare anche fuori di noi la risposta, rompendo ogni preconcetto, durezza, luogo comune, pregiudizio. La qinta ed ultima opera che ci resta da analizzare –terza in ordine di apparizione– è la più difficile. Il titolo è preso da un verso del Manzoni: Fuor della vita è il termine. È l’opera che De Petro –se De Petro era– in una delle interviste, diceva di preferire fra tutte. Il protagonista è Pasquale Chieffo. Il terreno in cui ci muoviamo con Pasquale è la Basilicata, coi suoi vini acetosi (l’Aglianico), con le sue montagne misteriose, con le sue notti oscurissime e con eventi violenti e crudeli. Un libro molto difficile che, se leggete de Petro, potrete lasciare alla fine. Bisogna infatti essersi lasciati educare dallo scrittore per poterlo seguire, senza troppe difficoltà, nei suoi repentini passaggi da un ambiente all’altro, da un dialogo a un monologo, da una descrizione dettagliatissima a una pennellata veloce, che obbligano a volte a un tour de force da cui si esce cambiati senza accorgersene. Possiamo dire che sicuramente De Petro conosce la Basilicata perfettamente e ce ne dà, qui, un quadro notevole, perché, a distanza di anni dalla prima lettura del romanzo, si continua a sentirne i profumi e i sapori. Sono le cose che sanno fare i grandi scrittori: lasciare un ricordo che non si dimentica, anche se hai dimenticato la trama. Quindi: chi era veramente Antonio De Petro? Non lo sappiamo. Però possiamo dire che è uno scrittore che ha saputo svelare le verità nascoste dentro il quotidiano e questo significa molto, perché la letteratura o serve alla vita o non si dovrebbe scrivere

***

Riferimenti in rete:

http://www.pocherighe.org/2011/10/05/il-mistero-di-antonio-de-petro/

http://daseyn.blogspot.com/2011/10/il-mistero-di-antonio-de-petro.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.