TI RICORDI LE ONDE LUCCICANTI- Augusto Pivanti e Fernanda Ferraresso: due tra le onde

.

In apertura di CARTESENSIBILI, dopo le vacanze estive, mi piace riportare un breve passo a due, o meglio di due, tra le onde. E’ stato Augusto Pivanti a muovere questo percorso. Gli avevo semplicemente inviato una brevissima lettura di uno scritto che lui aveva pubblicato e. E poi mi ero dimenticata di quanto avevo lasciato nel suo cassetto della posta. Lui, che come caratteristica peculiare ha quella di non abbandonare mai nulla al caso, ha raccolto quei segni e ne ha aggiunto memoria. Tutto quanto lui tocca diventa vita, luce, energia. Non fosse che non abitiamo proprio vicini, ma questo non è propriamente un problema,  mi piacerebbe lavorare con lui ad una raccolta a doppia voce, mista, inserendo anche l’arte,   passione fortissima che coltiviamo entrambi. Ma. Mai dire mai! Magari prima o poi ci riusciamo. Io cambio città di residenza e mi sposto verso i luoghi che frequentavo da bambina: Feltre, Fener, Quero, Vas, Vidor, Pederobba,… La strada a curve s’innesta direttamente nella luce e l’aria è già più fresca. Ah, dimenticavo, c’era anche una fermata d’obbligo, Brotto, per prendere un caffè o un prosecco, giusto all’altezza di Cornuda e poi… Ecco, sto già traslocando!

f.f. 25 agosto 2011

.

Catrin Arno

TI RICORDI LE ONDE LUCCICANTI

1.

(Fernanda Ferraresso)

Mi ricordo che guardavo

le stelle un tempo e le sentivo

eterne in un cielo incombente

e lontane le sentivo oltre

la mia fine oltre la nostra conta.

Ricordo che avevo uno sguardo

lucente dentro il loro immutabile silenzio

e potevo dirle come faccio ancora

ora e da qui, da questo mio silenzio dentro

un cielo che mi è cresciuto in corpo

e non è oltre me o te, e loro,

le stelle, mi coltivano spazi d’ore

come semi di un giardino eterno in cui vivo

ogni momento l’infinito mare in cui sto

sempre immerso, corpo nel corpo

di un dio mutevole che non ha altro

volto se non questo mutare il cielo i luoghi

in cui supera il tempo.

 

 

2.

(Augusto Pivanti)

 

Era un gioco – sì – l’immaginare

di quanti anni fosse quella luce di stelle

che vedevamo ora – bambini – in cima

alla sera di un’estate del ’70.

E si diceva – nell’alibi infantile – che

era luce viva, che vedevamo ancora

l’esistente, il comprensibile,

il non passato, il non andato altrove.

Solo dopo – al limite del gioco, al

nodo degli anni – abbiamo colto

che quella luce era finita, morta –

che quella luce giungeva da un enorme

quasi infinito cimitero che aveva inghiottito

il tempo – tutto – restringendo la vita che restava.

Abbiamo mitigato il danno con la sola

illusione d’essere qualcosa, a causa

di parole sparse nella luce residua,

o forse più nell’ombra nascosta –

testimone e chiusa della sorte

rimasta a ricordare.

1 Comment

  1. Rieccoti in formissima alle tue carte. Buon trasloco! Intanto già questo duetto è un bel viaggio: video immagine versi di un giardino di stelle, “di parole sparse nella luce residua”.
    Abele

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.