La barca- porta di essenze pregiate il corpo universale

.

E’ approdata a Rovigo, in Pescheria Nuova, ha portato parole e versi per l’inizio del Solstizio d’estate 2011, forse percependo l’acqua segreta dell’Adigetto, sepolto sotto un corso di storie di pace e di guerra, di fame  e di pena, dopo aver girovagato per altri luoghi, altri lidi e spiagge, dopo aver toccato gli occhi di molte persone e non solo gli occhi. Ha un’anima quella barca, il legno di quella barca e non fatichi a trovarci un’essenza che è comune a tutti noi.  L’albero e la linfa dell’albero, l’acqua dentro e intorno, il cielo dentro. Non è cosa da poco condividere l’immenso!

Ma a questa barca personalmente devo molto, è da questa di Italo lanfredini che è nata l’idea dell’arca, l’ARCA SELVATICA, dei riti intorno alla barca delle storie vissute, di quelle inventate o costruite, storie che si specchiano tutte nell’acqua della vita, che s’immergono nelle acque della memoria collettiva.

Quando la vidi, quest’opera di Lanfredini, rimasi colpita e scrissi un testo, che poi gli inviai e lui, gentilmente come sempre, l’ accolse scrivendola in una tavoletta d’argilla. E’ stato come scrivere sulla mia-nostra pelle, argilla anche noi, un’argilla che canta e si decanta di tutto quanto il cielo le depone in corpo. Se avete voglia di fare un giro, andate a vederla, è una barca che dice, dice poesia, anzi, è essa stessa poesia, persino il truciolo asportato è sillaba sonora.

fernanda ferraresso- 5 giugno 2011

In un legno

ho scavato una nave

e dentro vi ho deposto la mia navigazione

c’erano argille cotte     al sole    chiavi di volta

pozzi profondissimi

ventagli di sonorità dei venti

e a prua    dove le onde prendono casa

ho posto un embrione di poesia

che culli la mia

rotta     e muti i sogni

trovino sillabe oltre l’udibile

liberino la mente dalla gabbia del frastuono

questa confusione che accerchia

e spezza le corde delle vele

che vorrebbero bere l’aria

intatta la mia soletudine.

f.f.

Da L’ARCA SELVATICA- Riti intorno all’arca-barca delle alleanze tra mondi d’acqua e rotte di navigazione

1 Comment

  1. da quando l’ho vista per la prima volta spesso ho fatto ritorno a quel legno-sostanza, pregiati sono i versi di Fernanda e fantastica, profumata e porta verso l’immenso, la navigazione appena iniziata

    Elina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.