L’ARCA SELVATICA- Nicola Licciardello

joshua courlas

joshua-courlas_905

 

E come recensire L’ARCA SELVATICA  della “cara nemica”  Ferni (Fernanda Ferraresso per il Liceo Artistico P.SELVATICO) ?   Covata per mesi o per anni, senza dirmi niente, quest’Opera d’Arte Totale sull’ ACQUA, si da’ una volta sola, a due settimane dal referendum sull’acqua…

Un’incredibile opus d’ingegneria culturale, un magistero dei travasi fra i mestieri, anche quelli ancora da venire, un glocal recycling del miglior detto e agito (in youtube) che ridanza, rifrange fra il pathos del saggio di fine anno e le memorie più ancestrali dell’acqua circolante fra i viventi.

Ogni arte serve le altre, e Mnemosyne, la memoria di Ferni, jeratica narra un’altra Bibbia, riscrive la creazione, anzi l’evoluzione fra micro e macro, l’indeterminazione come principio e fine, un Women androgino che solo (l’arca sul)l’acqua può riportare dagli spazi sulla terra. Le ragazze ballano (bolle d’acqua), i ragazzi fabbricano l’arca e dipingono il mare, per farlo essere. Solo un piccolo rapper accarezza quel che non c’è.

Il mondo virtuale, il 2.0 si riincarna qui, in musica e video, invocando la democrazia dell’acqua con la democrazia dei giovani corpi.

L’Aps, che ha un monopolio di gestione dell’acqua, è sponsor di uno spettacolo il cui senso va contro i suoi interessi.

E’ geniale. La rivoluzione non ha bisogno di armi, ma di arte.

Nicola Licciardello- 29 maggio 2011

RIFERIMENTO IN RETE:

http://nicolalicciardello.wordpress.com/2011/05/29/larca-selvatica/

Advertisements

6 pensieri su “L’ARCA SELVATICA- Nicola Licciardello

  1. quale spazio migliore per rappresentare la storia e la società. Da qui può aprirsi lo sguardo, nascere la consapevolezza di ciò che abbiamo e di quanto sia un bene di tutti, prezioso e appartenente alla comunità. L’arte mostra il nostro diritto pieno e consapevole, allarga le braccia alla condivisione e da qui il passo per una rivoluzione senza armi, interiore specchio che si ricompone
    grazie Nicola e naturalmente grazie Fernanda

  2. la gioia più grande mi è stata donata dagli allievi, così felici, in festa, se pur stravolti dalla fatica delle prove, e desiderosi di lavorare ancora, di fare ancora.Anche la mia fatica è scomparsa, con un solo colpo di spugna, quel loro interesse valeva molto di più di un anno di lavoro.ferni

  3. …gocce d’acqua sull’oceano della vita, impegno e dedizione in un Mondo che si può ancora salvare.
    Complimenti agli allievi dell’Istituto d’Arte e Liceo Artistico – P. Selvatico di Padova e alla passione e all’impegno di Fernanda.
    Cettina

  4. Grazie Cettina. E’ citato il mio nome per i testi, ma eravamo un gruppo di docenti coinvolti attraverso i laboratori che, già da ora, sono pronti a lavorare per l’indirizzo di SCENOGRAFIA, che apre i suoi battenti l’anno prossimo all’interno della nostra scuola.Tutti i nomi ,insieme a quelli dei ragazzi, sono nella locandina pubblicata poco tempo fa (http://elichenuove.wordpress.com/2011/05/19/l%E2%80%99arca-selvatica-e-approdata-a-teatro/) Questa, oltre al lavoro mirato sull’acqua, era anche una prova di conduzione del lavoro.ferni

  5. “La rivoluzione non ha bisogno di armi, ma di arte.”
    condivido totalmente la sintesi di Nicola Licciardello!
    Complimenti vivissimi a tutto lo staff che spende fatica impegno cuore per diffondere la bellezzamore!

  6. Ciao Iole, grazie, riporterò a tutti i miei compagni di lavoro e ai ragazzi le tue parole,ne saranno felici.
    PS. esce oggi un’altra corrispondenza! Baci,f

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...