Alessandro Facchini: Giotto, càlami il filino!

28 novembre – 22 dicembre 2010

Alessandro Facchini

Giotto, càlami il filino!

L’arte di Alessandro Facchini ha un che di sorprendente e familiare: è incongruente, surreale, ma nello stesso tempo è qualcosa che ci portiamo dentro. Da dove viene questo senso di quieto stupore, questa familiarità, affabilità, questa dimestichezza? Probabilmente dal fatto che le opere di Facchini si costruiscono mettendo insieme immagini, oggetti, volumi e colori nello stesso modo in cui si formano i sogni benevoli che popolano le nostre notti. Memorie dell’infanzia, desideri inconfessabili per il mondo adulto, un universo giocoso che abbiamo rimosso con la fine della fanciullezza, ma che ritorna nei momenti in cui il nostro autocontrollo si rilassa: quando dormiamo, quando ci abbandoniamo al più libero fantasticare.

Il sogno, è stato detto, è un espediente a cui ricorre la psiche per comunicarci in modo ambiguo e misterioso messaggi dal passato. Sprofondati nel sonno, ecco che la memoria suscita immagini, situazioni, persone, oggetti… e li rende percepibili alla mente. Ma, come un demone bizzoso, si diverte a prendersi gioco di noi e quelle forme che ha appena ricondotto al mondo le sposta di luogo, ne cambia il contesto, le associa nei modi più inaspettati, le condensa in rappresentazioni improbabili. Così, se ci torna in sogno la casa dell’infanzia, magari la vediamo abitata da persone conosciute altrove, piena di oggetti che non le appartengono e magari ci accorgiamo pure che è sospesa su una nuvola. Spostare di luogo oggetti, persone, ricordi e poi condensarli in palcoscenici bizzarri è il normale lavoro dei sogni.

Spostamento e condensazione sono anche le operazioni più evidenti nell’arte di Alessandro Facchini. Che però vi aggiunge un elemento di meditazione, un sottile brivido d’ansia e di malinconia, inquietudine per l’inevitabile risveglio, malinconia per l’inevitabile perdita. Le sue sculture mobili, i giochi volanti, le sue figure a due o a tre dimensioni, nel tradurre in materia sensibile i percorsi della memoria, ci fanno percepire un’ulteriore dimensione: quella del tempo, sempre in equilirio fra presente e passato, sempre sospeso ed appeso a un filo appena percepibile. Il filo, appunto, la fune dell’equilibrista e del funambolo, ma anche il cavo che unisce e stabilisce relazioni, l’emblema stesso di questa mostra, tanto da comparire nell’invocazione che le dà il titolo, citazione da Palazzeschi e Paolo Poli, ma anche affermazione di un legame diretto con la più forte tradizione culturale.

“Giotto, càlami il filino!” Cosa può mai significare tale bizzarra richiesta? Be’, non riveliamo proprio tutto, abbiate pazienza qualche giorno e venite a trovarci domenica 28/11. La mostra propone una dozzina di opere, fra sculture mobili e dipinti: potrete scoprire da voi il mistero del titolo o chiedere lumi direttamente all’artista e a Corrado Marsan, critico e storico dell’arte.

Paolo Pettinari

*

ALESSANDRO FACCHINI vive e lavora a Firenze. Espone dagli anni Settanta, periodo nel quale era fra gli artisti che facevano capo alla storica galleria fiorentina “Inquadrature 33”. Tra il 1979 e il 1982 ha diretto, a Firenze, il Centro Culturale “Malachite”. In diverse edizioni ha preso parte ad Arte Fiera di Bologna e ad Expo Arte di Bari. È stato invitato a numerose manifestazioni a carattere nazionale ed ha allestito personali in varie città italiane (Firenze, Prato, Verona, Roma, Bologna, Milano) [dal sito web Archivio Attivo Arte Contemporanea vedi].

Inaugurazione domenica 28 novembre 2010 – ore 17,30
i

Lo Studiolo
di Campi
galleria d’arte-

Lo Studiolo – via S. Stefano 53 – 50013 Campi Bisenzio

Riferimenti in rete:

http://www.emt.it/studiolo/2010/facchini/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.