Nazim Hikmet – tre poesie

Oblivion di Astor Piazzolla eseguita da Uto Ughi.

.

Nazim Hikmet – L’uomo

*

E’ questo l’uomo?

Un corpo esposto

alla notte della parola.

Corpo: baratro d’ossa e teca di sapienza.

Lì mite: limite del mondo

il limite dell’io che rinnova l’ignoto

rimuove l’ombra di se stesso.

Visionario       incolto  corpo     avvolto involucro

parola  tellurica

odio guerra e dio

perizia e peripezia

e s t e s a      metafora di un crimine

la vita che in te si esal(t)a.

.

f.f.-inedito -peripezie di una pizia qualunque

.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.