20 marzo 2010- Non gli sembrava vero

.

Non gli sembrava vero

che il  toro lo avesse messo a terra

Lo aveva chiamato    lo aveva invocato

nel silenzio di una  infinita distanza      gli aveva detto

– vieni, vieni toro,  qui

vieni a giocare sul mio cuore

disfa la terra dura    con il tallone

solleva la polvere della notte     in alto

oltre la luna     fanne una miriade di sogni e  fantasmi. –

.

E venne il toro

lo scavalcò     giù   dentro il reticolo dei nervi

raggiunse le pareti del suo  tempo

entrò sicuro all’interno del giardino

nelle verdi regioni delle memorie

spillò rose da tutti i quartieri    del rosso

gli occultati vaticini  delle erbe   intrecciò       le sue mani

alle rime delle pietre più ruvide

interrò   dentro la sua fronte  un seme di rugiada.

Poi

cadde

il toro     precipitò sul suo petto

come una cascata di tuoni

una corsa di leoni o un fulmine di schianti

una furia celeste in un cielo sereno.

Cadde il trono    e si levò dal sole   un’alba

una  vertigine fiorita di giorni

tanti piccoli astri gli crebbero nel palmo

e dal petto    fattosi più tenero

schizzò nell’aria un segno

una minutissima brace     di gioia.

.

A Marco Munaro, 20 marzo 2010

immagini del post : Gabriel Pacheco

musica :   Adam Hurst

testo inedito: fernanda ferraresso

9 Comments

  1. TANTI TANTI TANTISSIMI AUGURI perché tu possa perderti e perderti e ancora tu possa nel cammino ritrovarti in ogni dove e in ogni cosa. Un bacio e un abbraccio.
    nina.

  2. “Soltanto la bontà mi fa piangere”, quante volte mi risuonano queste tue parole sull’andare dei passi quotidiani della memoria e del cercare. Non ne trovo di migliori per l’abbraccio dell’augurio: un fiore che non sfiorisce, un profumo che non svanisce.
    Gigi

  3. ogni compleanno è una ri nascita. Ci si torna a commuovere di un corpo che cresce, divenendo essenziale, eroso, più sensibile, con radici più profonde e quindi più saldo. Il mio bacio a te marco, il mio augurio di gioia interiore. Sei uno dei più begli uomini che io abbia mai incontrato. Ringrazio la poesia che ci ha allacciati. La mia riconoscenza a te per la tua onestà e la tua ricchezza, come uomo poeta editore lettore. Un’unica unità splendida.
    Auguri grandi anna maria farabbi

  4. che la minutissima brace di gioia si faccia fuoco e bruci i rami secchi dell’inverno che stiamo attraversando, ma che prima o poi finirà. Caro Marco, è difficile dire quanto sei prezioso e caro a tutti noi che ti leggiamo e ti vogliamo bene. Un fuoco azzurro che scoppietta sulle rive dell’Adige… un amico e un maestro. Tanti auguri! da stefano strazzabosco

  5. Ed un altro anellino di fibra si è formato attorno al fusto del nostro frondoso albero munaresco. Frondoso? ehm… beh insomma, era una metafora non tricologica ma riferentesi alla produzione fogliacea editoriale e poetica…

    heppibirthdeituiuuuuuuuuuu

    alberto

  6. P.S.: Non faccio in tempo a terminare il commento che la ferraresso ha già inserito un altro post….!
    Macchediamine: metteresti in imbarazzo anche il blogghettaro più prolifico!
    PPS: no ti chiedo che pile usi….

    1. Carissimo Alberto…esiste anche una programmazione, all’interno del blog, come sistema di pubblicazione. Immagino tu lo sappia di certo, visto che ne tieni uno meravigliso a nome BYZANCE. ..E INVITO TUTTI A VISITARLO.
      Il testo per Marco…lo avevo lavorato da tempo, anzi, ne ho un’altro anche in fernirosso (casa mia). Ogni anno il suo compleanno mi porta quello di mia madre, così li festeggio con grande gioia in me, una festa moltiplicata visto che, in più, abbiamo dei ricordi d’infanzia che hanno luoghi quasi in comune.
      L’altro post, invece, me lo ha inviato un amico in tutta fretta, visto che era oggi la giornata, e l’ho pubblicato così come l’ho ricevuto, anche perché tratta di un problema a cui mi sento particolarmente vicino e di cui ho portato contributi qui e nell’altro blog più volte.
      Comunque vado matta per la tua carica vitale e per la capacità di farmi ridere di piccole cose con grande spontaneità. Ti voglio bene.ferni

  7. Cari amici,
    leggo solo ora di ritorno da un piccolo viaggio,
    grazie a tutti di cuore, del dono della vostra amicizia.

    Marco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.