Roberto Kusterle – letture del sé nel rit(ir)o del corpo


la collana della meditazione

________________________________________________________

Riti del Corpo : Roberto Kusterle 10
algebra facile.
________________________________________________________


la gerla dei silenzi
________________________________________________________

Riti del Corpo : Roberto Kusterle 3
senza gli altri rami.
________________________________________________________

Riti del Corpo : Roberto Kusterle 4
nostalgia di amplessi.
________________________________________________________
nascondiglio sicuro
________________________________________________________

Riti del Corpo : Roberto Kusterle 6
per udirti meglio.
________________________________________________________

Riti del Corpo : Roberto Kusterle 7
il burattinaio delle rogge.
________________________________________________________

Riti del Corpo : Roberto Kusterle 8
occasioni di complicità.
________________________________________________________

Riti del Corpo : Roberto Kusterle 9
la maschera dell’ipocrisia.

________________________________________________________

in attesa del volo

Di Gorizia, Robero Kusterle lavora ormai da lungo tempo “nel campo” delle arti visive. I suoi scatti sono in realtà immobilismi del corpo in cui l’ umano diventa  un territorio che si allarga, o si allaga di tracimazioni di altri mondi. La sua raccolta  Riti del Corpo è una  collezione  di sur-realtà che il corpo vive, non solo sulla sua pelle, ma sente dentro in modo totale, per questo dicevo prima “alla(r)gante”. Quali calcoli, quali algoritmi elabora l’uomo e quali possono accludere in lui una salvezza oppure una rimozione delle paure che ancora oggi, spesso patologicamente, lo conducono sull’orlo di follie singolari e individuali e/o collettive. Kusterle non insegna nulla, segna con la forza tutta della staticità dell’immagine la poetica e la inesausta carica del mito antico, le chiavi della volta dentro cui l’uomo converge, nel luogo del sempre-mai , nello spazio dell’a-tomo.

L’uomo e l’origine, il gene che raccorda i mondi, animali, vegetali, i sogni, le ere,  pre-levandole dalla loro cella per farne eco e casa  comune, un solo involucro e simulacro comune, una ri-collocazione e colonizzazione dei semi che tutto hanno fecondato. L’ambiguità, nel senso originale del termine, è la porta da cui accedere all’ADE, alla DEA, in cui vita e morte sono solo abiti, vestizioni che bisogna praticare e indossare per ap-prendere in sé il mito, la sua intera cosmogonia, la sua nuova poesia.

f.f. 2 gennaio 2010

*

RIFERIMENTI:

http://www.robertokusterle.it/

http://www.we-des.net/riti-del-corpo-roberto-kusterle/

http://4otoblog.blogspot.com/2009/03/photos-by-roberto-kusterle.html

http://www.lobodilattice.org/node/5400

http://www.phantasmaphile.com/2009/03/index.html

8 Comments

  1. Bellissime immagini, è UNA LINGUA di prodigi quella che viene “messa ” non in visione, ma in circolo nel sangue. Straordinario artista, anche se solo in pochi ne riportano il percorso incredibilmente ricco. Grazie per averlo fatto qui. Grazie per tutta la rintracciabilità,è fondamentale. Giovanna K.

  2. Grande artista poiché, a mio parere, la sua forza sta nel non eccedere mai, nelle sue opere, relativamente a quel ricco bagaglio di conoscenze, nell’uso di rimandi, a favore di una meravigliata e attonita presenza del corpo, in cui e di cui l’attimo è colto,nell’immensità dei segni che l’opera della vita evoca incessante. Peccato non se ne parli di più, ma sia solo tema per gli addetti ai lavori. La mostra in questione:straordinaria. ferni

  3. Caspita che articoli! Questo è uno schianto! Ho visto che c’era anche un altro articolo su Kusterle. Grande,un mito! seba

    1. Sì, un autore fuori dai canoni e dagli schemi, carico di arcaicità e primitività che è energia viva,vitale,mostruosamente bello.

  4. autore di forte fascino e duro ad un impatto percettivo ma ne leggo poetica ideativa alta e fuori dagli schemi, certo non facile, certo poco “gastronomico” ma forse qui sta la sua forza e i suoi densi spessori, ottimo il tuo articolo ferni: sai ben sa presentare e/o introdurre artista eccellente…
    r.m.

  5. Ciao Roberto! Visto che immagini? Hanno una carica incredibile, un’antica forza che non si è esaurita ma si è fatta poesia. Davvero un grande artista Kusterle. ferni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.