Dedicata ad Assunta Finiguerra- Aggiungo ancora un posto

claude lazar

claude lazar finestra

.

nello spazio dello sguardo dove di solito metto l’incompiuto
l’attesa     l’impossibile.
La incontrai sulla carta   tra le discese della parola
dove  spesso le donne arrotolano la  pena
lei ci metteva un fringuello un ciuccio un’accetta
un pizzico di sale e una presa di passione
una corrente fatta fermento un firmamento e
la sua firma per esteso:
finiguerra è assunta
il  cielo  è  dentro.

f.f.

.

claude lazar

claude lazar b

.

Di Assunta Finiguerra sono molte le poesie che tengo a cuore, ne porto alcune, solo alcune tra quelle in cui la voce è chiara e forte.

.

Da Puozzë Arrabbià, 1999

Të sì calatë chianë chianë
tuttë i suonnë ca tënijë,
è fattë nu vëcconë e manghë ijë
ngannë të só’ rumuastë nghianë
Tuttë m’è fattë purtuà ngapë,
pëffinë u muaccaturë janghë e rrussë
pë ffarëmë canoscë mmiezzë a chiazzë
quannë dëvëndajë mbizzafuóchë
Së më cucijë i piedë e pó’ rë mmanë
a tti ndë në futtijë proprjë niendë,
sembë quacchë ccosë të cërcajë
ma u curtieddë mmanë chi u tenijë?
E fessë quanda tiémbë ca è passatë!
E na mappinë me arrëduttë?VITA
u muanëchë së purë tenghë mmanë
a sfèrrë addëvinë nd’è fënutë?

.

Hai divorato piano piano / tutti i sogni che tenevo, / hai fatto un boccone e manco io / obliqua ti sono rimasta in gola // Tutto mi hai messo sopra il capo, / perfino il fazzoletto bianco e rosso / per farmi riconoscere nella piazza / quando diventava attizzafuoco // Se mi scottavo i piedi e poi le mani / di me non ti fregava niente, / sempre qualche cosa ti chiedevo / ma il coltello in mano chi lo aveva? // Maledizione a quanto tempo ch’è passato! / E uno straccio mi hai ridotto? VITA, / il manico, se pure tengo in mano / la lama indovina dov’è finita.

*

Cu nu puarë dë scarpë senza laccë
nu ggirë m’aggia fattë o cuambësandë
vulijë guardà nu pochë quera ggendë
ca è mortë facennë l’artë i paccë
Na figliolë d’appenë tridëciannë
ha llassatë sulë mammë e attanë,
pë vvuluà merlë nda ru ggruanë
è fënutë ciambijatë da nu mulë
Manghë na cannelë a n’ata partë
né nu fiorë, sulë ragnatelë
pë quera vecchjë ca leggijë cartë
a ttuttë u popëlë dë Sandë Felë
Sopë sopë a na tombë dë granitë
dudëcë lucë ng’erënë appëcciatë,
settë mazzë dë fiurë agghërlandatë
a mostrë faciennë cumë zitë
Madonnë! U scuandë c’aggia avutë
quannë da lunduanë më vëdiettë
na poddëlë ca më venijë drittë
ngimmë o corë da nu tuavutë
Nu zichë d’aulivë tenijë mmocchë,
l’avijë ssciuppuatë a quiru crëstijanë
ca scijë vennennë pacë e tanda canë
l’hanna datë nguoddë finë a Rocchë
Pò’ nun suaccë cchë m’è càpëtatë,
senza scarpë më só ttruwatë forë
pë vvëdé s’era vivë e cu ddëlorë
a ppizzëchë a tuttë partë m’aggia datë

.

Con un paio di scarpe senza lacci / un giro ho fatto al camposanto / per guardare un poco quella gente / che è morta facendo cose strane // Una ragazza di appena tredici anni / ha lasciato soli mamma e padre / per volare merlo in mezzo al grano / è finita calpestata da un mulo // Neanche una candela a un’altra parte / né un fiore, solo ragnatele / per quella vecchia che leggeva le carte / a tutta la gente di San Fele // Sopra sopra una tomba di granito / dodici lumini tutti accesi / sette mazzi di fiori inghirlandati / facevano mostra come sposi // Madonna! Lo spavento che ho avuto / quando da lontano mi sono vista / una farfalla che mi veniva dritto / sopra il cuore da una bara // Un po’ d’ulivo teneva nella bocca / scippato l’aveva a quel cristiano / che vendeva pace e tanti cani / gli son corsi dietro fino alla Rocca // Poi non so che cosa mi è successo, / senza scarpe mi sono trovata fuori / per vedere se ero viva e con dolore / a pizzichi dappertutto mi son presa.

*

Me trove nda re ffuoche de l’inferne
nu sicchje d’acqua n’agge da nessciune
e ngiéle tutta mbrecchiate a lune
cande, rirre e abballe senza cundègne
Aggia stà qua fine a fine d’u munne
pe vvedé a reazione de Dije
quanne s’accorge ca cchiù nun sò ije
ma nu zémmere cu còre d’agnelle

.

Mi trovo dentro il fuoco dell’Inferno / un secchio d’acqua non ho da nessuno / e nel cielo l’ingioiellata luna / senza ritegno balla ride e canta // Starò qui fino alla fine del mondo / per vedere la reazione di Dio / quando s’accorge che non sono più io / ma un capro con il cuore di agnello.

.

Tracce di biografia

Assunta Finiguerra di San Fele (PZ) nel ’95 ha pubblicato la silloge di poesie Se avrò il coraggio del sole (ed. Basiliskos), nel ’99 una silloge in vernacolo sanfelese dal titolo Puozzë Arrabbià (ed. La Vallisa) e nel 2001, Rësciddë (Zone editrice), supplemento della rivista di poesia Pagine, Solije, Zone Editrice, 2003. Scurije è del 2005, edito da LietoColle. Ha ottenuto riconoscimenti in diversi concorsi letterari tra cui il premio “Lanciano” dove è stata finalista e “Città di Trento” con una segnalazione speciale.Suoi scritti poetici sono stati recensiti su: Il sole 24 ore, Nuova Antologia, La Vallisa, Nuova Tribuna Letteraria, Vernice, La Gazzetta del Mezzogiorno, altri citati su: Periferie, Pagine, Input, La Stampa. È presente in diverse antologie curate da Domenico Cara, Daniele Giancane, Vittoriano Esposito. Si sono occupati delle sue opere: Franco Loi. Giorgio Barberi Squarotti, Manlio Cortelazzo, Mariella Bettarini, Maurizio Cucchi, Achille Serrao, Gaetano Pampallona, Daniele Giancane. Suoi scritti sono stati tradotti in polacco ed ha in preparazione un libro di “novelle potenziali” che si rifanno a Queneau, Perec e al Gadda de L’Adalgisa. Sua la traduzione di Pinocchio in vernacolo lucano: Tunnicchje, LietoColle, 2008

Advertisements

4 pensieri su “Dedicata ad Assunta Finiguerra- Aggiungo ancora un posto

  1. grazie Fernanda per questa dedica che lascia traccia viva di una voce forte e precisa
    le persone belle rimangono per sempre attraverso il ricordo della voce o di un incontro fatto attraverso i versi o direttamente

    Elina

  2. Mi sarebbe piaciuto invitarla anche qui. Mi ripromettevo di farlo entro dicembre e invece. Porterò comunque altri suoi testi, la sua è una voce da ascoltare.f

  3. Volentieri, se tu vuoi, Mapi, pubblicare qui da noi una tua lettura su di lei e la sua poesia ne sarei/saremmo felici. Ospitarla e avere te qui tra noi è un onore e una gioia.f

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...